Quantcast

Dal Governo contributi per 6 comuni in Costiera contro il rischio idrogeologico

Costiera amalfitana. Con decreto del Ministero dell’interno, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, in data 23 febbraio 2021 – di cui sarà dato avviso sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – sono stati determinati i Comuni a cui spetta il contributo previsto dall’art.1, commi 139 e seguenti, della legge 30 dicembre 2018, n.145, da destinare ad investimenti relativi ad opere pubbliche di messa in sicurezza degli edifici e del territorio. Lo leggiamo sul sito del Ministero dell’Interno.

In particolare, per l’anno 2021, i contributi in questione ammontano complessivamente a euro 1.850.000.000,00. Nell’elenco Nell’elenco sono presenti anche sei comuni della Costiera amalfitana, ossia RavelloMaioriPraiano, Vietri sul Mare, Tramonti e Conca dei Marini.

Il Ministero dell’Interno ha finanziato tre progetti da 833mila euro l’uno a Vietri, per l’intervento di regimazione delle acque meteoriche nelle frazioni di Raito, Albori e Molina; ancora per il consolidamento della villa comunale di Vietri sul Mare ed infine per la sistemazione della strada comunale di via Osvaldo Costabile e via Pellegrino. Entro fine febbraio i primi fondi già saranno stanziati per l’avvio dei tre progetti. Il Comune di Maiori ha avanzato pure tre progetti: uno da 400mila, il secondo da 900mila e il terzo da un milione di euro. Scala ha ottenuto 900 mila euro, Tramonti e Ravello un milione di euro. Per Praiano un progetto dal valore complessivo di 1.341.680,45 euro.

L’ammontare del contributo attribuito a ciascun ente è stato determinato con il citato decreto del 23 febbraio 2021, secondo il seguente ordine di priorità, previsto dalla normativa vigente:

a) investimenti di messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico;

b) investimenti di messa in sicurezza di strade, ponti e viadotti;

c) investimenti di messa in sicurezza degli edifici, con precedenza per gli edifici scolastici, e di altre strutture di proprietà dell’ente.

Commenti

Translate »