Atrani. Il Comune deve pagare 28mila euro all’avvocato per la causa del Conservatorio di S. Rosalia

Più informazioni su

Atrani, Costiera amalfitana . Su La Città di Salerno la vicenda partita dall’amministrazione precedente a quella di De Rosa . Il Comune si appresta a versare 28mila euro all’avvocato che lo ha difeso nel contenzioso con il Conservatorio di S. Rosalia di Atrani. Una vicenda che risale al 2001, quando il Conservatorio stesso aveva citato in giudizio l’Ente presso il Tribunale di Salerno per il rilascio di un complesso immobiliare di sei appartamenti, detenuti dal Comune dal 1986, con annessa richiesta di risarcimento. La giunta impegnava una somma di 2 milioni conferendo l’incarico al legale Luigi Anastasio , insieme al professor Andrea Di Lieto . Nel 2002 il Conservatorio attivava un nuovo procedimento giudiziario per chiedere il sequestro di tutti
gli immobili, successivamente approvato dal Tribunale di Salerno, sezione di Amalfi, con il Comune che proponeva reclamo. I giudici della seconda sezione civile del Tribunale di Salerno, rilevando l’illegittimità del provvedimento, accoglievano integralmente il ricorso. Per le conclusioni del procedimento di merito bisognava attendere il 20 settembre 2011 con la sentenza n. 46/2011 del Got del Tribunale di Salerno, Sezione Distaccata di Amalfi, che rigettava la domanda proposta dal Conservatorio di Santa Rosalia di Atrani. Veniva meno anche la precedente ordinanza di assegnazione della somma di 56mila euro corrisposti dal Comune di Atrani al Conservatorio, in quanto allo stesso veniva ordinato
di corrispondere all’Ente di Palazzo di Città le somme versate in occasione dell’ordinanza, compensando per il resto le spese del giudizio tra le parti. Da allora l’avvocato Luigi Anastasio di Maiori ha richiesto 52mila euro. Nei giorni scorsi è stato trovato l’accordo: 28mila euro.

Più informazioni su

Commenti

Translate »