Quantcast

24 febbraio 2021. Oggi è un anno esatto che ci ha lasciato il prof. Aldo De Gioia

Più informazioni su

Oggi è un anno esatto che ci ha lasciato il prof. Aldo De Gioia.

Un pezzo di Napoli ci lascia. Con cuore infranto la nostra città compiange un suo illustre storico, saggista, poeta, sceneggiatore, attore e regista teatrale, critico, pedagogista ma soprattutto napoletanista. All’età di 85 anni Aldo De Gioia abbondona le strade, i vicoli della sua amata città di Partenope, e sempre con i giovani a raccontare e raccontarsi.

Da sempre con la sua gentilezza che lo ha contraddistinto e con profonda competenza ha raccontato di Napoli, del periodo della Seconda Guerra Mondiale e delle Quattro Giornate di Napoli (di cui è stato testimone e partecipe), delle sue collaborazioni tra i tanti con Eduardo De Filippo, della fondazione del Museo della Canzone, mettendo sempre a disposizione la sua persona al servizio del prossimo con altissimo spirito cristiano.

Lo ricordiamo con molto affetto assieme ad Anna Aita e Antonio Giorgio.

Di seguito pubblico due belle poesie scritte dal Prof. Aldo De Gioia.

POESIA ‘O MARENARO DI ALDO DE GIOIA

‘0 MARENARO

ANDREA MANZI

Riccio ‘e capille, ‘na faccia bruna

Teneva ‘e spalle larghe e ll’uocchie nire,

passaje p’’o Rettifilo e fuje fatale,

pe chella via ‘nce rrummanette ‘a vita,

‘mmiez’’o scalone ‘e ‘ll’Università

“ Lassateme! Songo surdato

e torno d’’a licenza,

vaco ‘ncaserma e stongo franco ancora!”

“Caput!” dicettero ‘e tedesche

e subbeto ‘o rinchiettero ‘e mazzate,

senza sapè che stevano facenno.

“Oj mà” gridaje, “Dateme mamma mia,

nun m’accedite, nun songo disartore!”

‘A raffica ‘e mitraglie

‘o pigliaje ‘mpietto,

tanto valeva fosse muorto a mare,

povero marenaro teneva vintiquatto anne.

Chiagnette Napule senza risciatà,

‘mmieze ‘e mmacerie d’’e ccase bumbardate

Sentetteme ‘nu grido ‘e libertà.

Quatto jurnate facettero ‘na guerra

p’’o sanghe ‘e stù guaglione marenaro.

Surdato eroico rimasto dint’’a storia,

è ricurdato pe’ l’eternità!

ALDO DE GIOIA

A Salvo D’Acquisto

di Aldo Di Gioia

Guaglione d’Antignano,

carabiniere,

era graduato

vice brigadiere;

D’Acquisto Salvatore,

anima ardente,

è stato salvatore

‘e tanta gente.

‘A vita se levaje,

‘a dette a ll’ate,

a Palidoro

murette fucilato.

” Mammà, nun chiagnere ! ”

dicette certamente,

” pure si moro

salvo chi è nnucente !”

E nuje dicimmo mo,

doppo tante anne,

ca nun si’ muorto,

no, nun murarraje,

l’esempio ca c’è dato

è forte assaje !

A S. Chiara sempe

sta ‘na luce,

‘na lampetella

sotto a chella croce,

appiccia ‘o core,

è stato troppo grande

Salvatore !…

La poesia fu scritta dal prof. Aldo De Gioia, il 10 giugno 1990.

Premiata con il Trofeo Città di Napoli, nella Sala dei Baroni del Castello Angioino.

A consegnare il premio al prof. De Gioia, il Vice Presidente del Parlamento Europeo, Joao Gravinho, alla presenza del fratello dell’eroe , Alessandro D’Acquisto.

Alberto Del Grosso

Giornalista Garante dei Lettori

del giornale Positanonews

Più informazioni su

Commenti

Translate »