Ravello, Villa Rufolo trascurata. Secondo Amalfitano: “C’era chi si preoccupava di coprire le piante, ed oggi?”

Ravello, Villa Rufolo trascurata. Secondo Amalfitano: “C’era chi si preoccupava di coprire le piante, ed oggi?”. Riportiamo di seguito le parole di Secondo Amalfitano, che ha scritto in un post pubblicato soltanto poco fa sul suo profilo Facebook:

C’era una volta Villa Rufolo e, come ora, d’inverno arrivava la neve e il gelo (foto 1).

Qualche solerte responsabile che amava la Villa e Ravello, aiutato da validi giardinieri, ricoverava le piante delicate in quella che veniva chiamata “stufa”, oggi “Sala da pranzo” (foto 2).

In temi più recenti c’era chi si preoccupava di coprire le piante più delicate con teli e pacciamatura alla base.

E OGGI? Ma tanto… interessa a qualcuno?

L’importante è proporre qualche cittadinanza onoraria.

Mi raccomando coprite i contatori dell’acqua.

Commenti

Translate »