Ravello: anche Natalia Pinto risponde ai consiglieri di minoranza

Ravello. Dopo il sindaco Salvatore Di Martino, anche la dott.ssa Natalia Pinto risponde ai consiglieri d’opposizione Paolo Vuilleumier e Gianluca Mansi del gruppo “Insieme per Ravello”.  I due hanno inviato un’interrogazione al sindaco e all’assessore alle politiche sociali Dott.ssa Natalia Pinto in cui denunciano, a pochi giorni dalla riapertura della scuola nella città della musica, la carenza dell’impianto di riscaldamento. Ecco la risposta:

Gent.mi Consiglieri Vuillemier e Mansi,

premesso che non amo rispondere alle provocazioni o agli attacchi maldestri e pieni di livore( di cui purtroppo, sono sempre cariche le Vostre parole), premesso che DETESTO CHE SI UTILIZZI LA SCUOLA  COME MEZZO PER GUADAGNARSI SQUALLIDAMENTE IL FAVORE DI CHI NON CONOSCE I FATTI, stavolta sento purtroppo l’esigenza di fare chiarezza sulle Vostre accuse, non per altro motivo se non quello  di voler rendere   giustizia a tutto il tempo e il lavoro che io e gli altri componenti del Gruppo Rinascita quotidianamente dedichiamo con abnegazione al Paese, rispondendo anche con un tono che non sono abituata ad usare, ma dettato purtroppo dalla stanchezza di subire accuse che sento come PROFONDAMENTE INFONDATE E INGIUSTE.

1) Se la memoria non mi inganna, a Voi che vi preoccupate tanto per la sicurezza, la salute e l’incolumità dei ragazzi, vorrei ricordare ( CONSERVO GELOSAMENTE IL VERBALE)di quell’incontro fatto il 29 dicembre, quando ci s rinfacciava di NON DARE IMPORTANZA ALL’ISTRUZIONE O ALLA SOCIALITA’ dei ragazzi dal momento che avevamo, NON CERTO CON LEGGEREZZA, deciso di tenere chiusa la scuola a dicembre e ci si chiedeva DI DARE GARANZIE CHE QUESTA FOSSE RIAPERTA IL 07 GENNAIO a qualsiasi costo ( COME SE NOI AVESSIMO POTUTO DECIDERE o CONOSCERE L’ANDAMENTO dei contagi o lo sviluppo della pandemia, o quasi come se fosse stato per noi un divertimento tenere la scuola chiusa!!!) e alla Nostra LEGITTIMISSIMA PREOCCUPAZIONE, rispondevate quasi che la NoSTRA ERA UNA PREOCCUPAZIONE ECCESSIVA, che avremmo allevato generazioni di ignoranti ( a mio parere, chi ha voglia di imparare lo fa CON O SENZA DAD, ma questa è una mia idea), salvo poi ritrattare tutto la sera del 06 gennaio, quando ci si chiedeva di non aprire perchè dovevate a quel punto, cambiare direzione e assecondare il volere di genitori giustamente preoccupati per tentare, ancora una volta, di cavalcare l’onda procacciandovi il favore di molti…

2)Sono sicura di poter affermare che ogni cosa è stata fatta per una riapertura in sicurezza e non ho problemi ad affermarlo, con la coscienza pulita da assessore e da madre.

Il problema della caldaia infatti, è sopraggiunto dopo, quando purtroppo la scuola era già aperta e non era assolutamente prevedibile, in quanto dovuto alle incessanti piogge dei giorni scorsi che hanno allagato il locali della stessa.

Detto questo, nonostante a casa e con gli uffici e amministratori  colpiti dal COVID , ci siamo immediatamente attivati affinchè tutto fosse risolto nel più breve tempo possibile.

Leggo di stufette e giubotti…uno scenario da dopoguerra…

VERGOGNATEVI perchè continuate a vantarvi per un edificio scolastico per cui sono stati spesi fior di quattrini, che continua INCESSANTEMENTE A DARCI PROBLEMI DI OGNI TIPO.

VERGOGNATEVI perchè è UN GESTO DI UNA BASSEZZA UNICA mostrarsi preoccupati e interessati alle condizioni dei ragazzi , quando l’obiettivo principale è ALIMENTARE POLEMICHE, SPERANDO IN QUESTO MODO DI RACIMOLARE IL PLAUSO DI QUALCUNO…

Preferisco di gran lunga essere disorganizzata e inconcludente credetemi, piuttosto che rischiare di lanciare ,non solo ai genitori, ma anche ai ragazzi, MESSAGGI DI DISPREZZO E SFIDUCIA VERSO LE ISTITUZIONI.

Con grande amarezza,

Natalia Pinto.

Positanonews invita sia la maggioranza che la minoranza a intervenire. 

Commenti

Translate »