Positano e Praiano. L’I.C. Porzio pronto ad aprire tutte le elementari. La Preside Astarita “Allertati tutti i docenti, aspetto ordinanza di De Luca per circolare”

Positano e Praiano. L’I.C. Porzio pronto ad aprire tutte le elementari. Si torna a scuola fino alla quinta elementare, il Tar Campania di Napoli dopo essersi sempre appiattito sulle posizioni del Governatore Vincenzo De Luca ha cominciate a seguire la linea degli altri Tar che, quando le Regioni hanno disposto la chiusura senza un evidente peggioramento della curva epidemiologica e sufficienti motivazioni, ha dato torto ai Governatori. Il diritto allo studio è sacrosanto ed oramai è chiaro ed evidente che la DAD è una scuola dimezzata rispetto alla presenza.  “Siamo pronti a far entare tutti domani in aula , devo ringraziare tutti i professori che ho allertato immediatamente dopo la sentenza del Tribunale Amministrativo, prima di fare la circolare aspetto l’ordinanza della Regione Campania, ma noi siamo pronti e felici di rivedere i nostri ragazzi a scuola”, chiosa la dirigente scolastica. Insomma la perla della Costiera amalfitana non si è fatta trovare impreparata a questo appuntamento e Astarita è la prima dirigente scolastica della Costa d’ Amalfi ad aver informato e tranquillizzato tutti, questo anche grazie all’impegno coordinato fra Scuola, Comune e genitori , ma anche grazie a una realtà che non ha gravi problemi col trasporto visto come “vulnus” nella difesa dal coronavirus Covid-19  “I professori hanno dato tutti la loro disponibilità e domani mattina saranno in aula – dice Stefania Astarita -, con il corpo docente siamo sempre pronti a tutte le eventualità, sia con la DAD che con la presenza, siamo in grado di fronteggiare questo momento, un grazie va a tutti loro e anche ai genitori che affrontano questo momento difficile”

Il decreto del Tar , firmato dal presidente Maria Abbruzzese, dà ragione ai no-Dad e da domani torneranno in classe tutti gli studenti delle elementari, mentre per le medie si concede qualche giorno alle scuole per organizzarsi, ma il ritorno è comunque indicato per il 25 gennaio.«Abbiamo vinto dopo mesi di fatica – dice il legale Paola Emblema, esperta di diritto di famiglia e minori e rappresentante del coordinamento campano Scuole aperte – per far capire a tutti che la chiusura persistente delle scuole è dannosa per i nostri figli».

Nelle prossime ore, fa sapere l’unità di crisi regionale, sarà emanata un’ordinanza che riassumerà l’insieme delle decisioni relative all’attività scolastica, coerenti con quanto stabilito, mentre una decisione sulla scuola secondaria di secondo grado sarà emanata entro il 23 gennaio alla luce delle verifiche epidemiologiche. Sarà consentito ai sindaci e alle autorità sanitarie locali di assumere decisioni connesse ai contesti locali.

Commenti

Translate »