Piano di Sorrento, le origini della “Canzone de lo capo d’anno” nel racconto del Professor Ciro Ferrigno

In occasione di questo inizio d’anno vogliamo ricordare un racconto di qualche anno fa del Professor Ciro Ferrigno sulla tradizione della “Canzone de lo capo d’anno”

La Canzone di Capodanno ha origini pianesi; fu composta da un gruppo di amici “buontemponi” che la eseguirono, la prima volta, il primo dell’anno 1700, nella Granpiazza, che allora era il centro dei commerci e della vita sociale della comunità carottese e dell’intero Piano. Secondo l’autorevole testimonianza di Gaetano Amalfi, il testo sarebbe stato scritto da un certo E.C. di Meta. La Canzone pian piano si diffuse in tutta la penisola sorrentina, fino ad essere conosciuta ed eseguita anche in tutto il napoletano.

Ma restiamo nel nostro territorio. La Canzone veniva eseguita almeno in due modi diversi. Già al tramonto dell’ultimo dell’anno si cominciava a sentire per le vie il suono della tammorra: donne, a coppie, l’eseguivano nelle botteghe e nelle case. Erano chiamate le “auguratici” e portavano l’una lo strumento e l’altra un braciere o “testulillo” con i carboni ardenti, per non morir di freddo ed anche per non fare “afflosciare” la pelle della tammorra. Al termine dell’esibizione, le due si aspettavano un dono, che normalmente era costituito da dolciumi, formaggi o monete. Nel totale silenzio delle strade di quegli anni, doveva essere estremamente suggestivo sentir da lontano il battere delle tammorre, e l’eco dei canti a squarciagola che riecheggiavano dalle colline al mare. Il tutto durava almeno fino a mezzanotte, quando lo scoppio dei mortaretti dava il segno che l’anno nuovo era finalmente arrivato.

Talvolta erano degli uomini che suonavano rustici strumenti e le donne eseguivano il canto. Poi c’erano dei gruppi, formati da molte persone che suonavano e cantavano, ma lo facevano nelle piazze e negli slarghi cittadini o nei cortili e negli androni dei palazzi di famiglie facoltose che alla fine non avevano problema a donare a tutti vino e dolciumi in gran quantità. Tali esibizioni erano anche per gli amministratori della Comune, per il parroco e per gli uomini più autorevoli del paese.

Naturalmente l’esibizione era accompagnata da gran frastuono e da un chiasso talvolta irrefrenabile, cosa del tutto eccezionale per un popolo dedito al commercio e pertanto abituato ai suoi ritmi di vita, piuttosto sobri e regolari. Ogni esibizione cominciava con la frase augurale: “La bona sera e buon principio d’anno” e spesso gli esecutori creavano ad hoc dei versi adatti agli uditori, specie se persone importanti: medici, avvocati, politici e sacerdoti. Il testo della Canzone è un documento di immenso interesse, dal punto di vista antropologico e sociologico perché passa in rassegna le attività lavorative ed il cibo, in quell’inizio del Settecento, con una dovizia di particolari incredibile. La canzone creava un’occasione d’incontro tra tutti i ceti della popolazione ed era un momento di allegria, fratellanza, socializzazione e democrazia. Inutile dire che, tra gli esecutori della Canzone, a fianco ai poveracci, che si esibivano per guadagnare qualcosa, c’erano dei veri e propri artisti, capaci di improvvisare battute e versi e di dare spettacolo.

La Canzone de lo capodanno ha un coro introduttivo: “La buona sera e buon principio d’anno a tutti ‘sti signure ‘ncompagnia, simme venute e tumarammo ogn’anno, pe’ farve chille aurie, che sapimmo. Spilateve li recchie; apritece lu core la casa, la dispenza e la cantina, ca cheste so’ ghiurnate de contiente, se mangia e beve e nu’ se pensa a niente!”

Poi segue il testo vero e proprio, che raramente veniva eseguito per intero, vista la lunghezza: “Aprimmo l’anno nuovo cu’ tric-trac e botte, passammo chesta notte in allegria! Nascette lu Messia avenno, puveriello, ‘nu voje e n’aseniello pe’ vrasera. Da tanno ‘e ‘sta manera passato s’è ‘stu juorno, pe’ fa’ dispietto e scuorno, a Farfariello. ¬Ca chillo marionciello, nce avea tutt’aggranfate, nè nce avarria lassate e nce arrosteva. Si ‘ntiempo nu’ veneva da Cielo lu Guaglione, ca p’essere sguazzone nce priggiaje. E tutte da li guaje volette liberarce, patenno e cu’ lassarce purzì lu piello.¬ Ma nuje, che scordariello nu’ simmo e manco ‘ngrate passamme ‘sti ghiurnate a fà sciacquitto.. E lu sentire schitto tornà lu zampugnaro nce mette all’ummacaro allegramente. Nce fa venire a mente la luminosa stella, la bella grotticella e li pasture; chè gruosse e creature da l’Angelo avvisate correvano priate a la capanna. E chi le porta, o manna, cu’ ceste e cu’ panare, e chi lu va adurare, a faccia ‘nterra. E da lontana terra pe’ fino li tre Magge cu’ triene e carriagge se partèttero; ch’appena, che vedettero lu cielo alluminato dicettero era nato lu Messia. E cu’ gran cortesia, vediste aggenucchione denanze a ‘nu guaglione tre regnante. Arode Re birbante, trasette già ‘mpaura, ca chella criatura lo spriorava. E pecchè se tremmava chell’arma ‘ntaverzata, fa’ fa’ chella salata de guagliuni. Che simmele a picciune li facette scannare pe’ farece ‘ncappare a lu Bammino. Chiù ‘nfame, chiù assassino n’avite visto maje!…E ‘nterra nu’ chiavaje tanno pe’ tanno. Ma le restaje lu ‘nganno, né ne cacciaje niente, cu’ tutte li nuciente ch’accedette; che la Madonna avette d’a cielo lu consiglio de ne fuì lu figlio, tanno tanno. ‘Ste cose già se sanno; ma quanno è chisto juorno; ncè arrollanno chiù attuorno a la memoria. E sia ditto re’ gloria, nce portano allegrezza, tanto che ne’è priezza pè ogni parte.. E, solo, all’addonarte ch’asciute so’ li pigne, te prieje a chillo signe de Natale.Vi mo’ p’ogne locale, pe’ puoste e pe’ pontune, li robbe so’ a montune, apparecchiate. A festa so’ aparate purzì fora li vie poteche, speziarie e bancarelle. E ne vide sportelle, panare, votte e ceste, e scatole, e caneste, e gran sportune! D’anguille e capitune, e pisce d’ogni sciorte, ne vide grosse sporte, a centenare. Tutta ‘sta robba pare potere abbastà n’anno eppure tanno tanno scumparesce. La gente trase e esce, e corre e va e vene e spenne quanto tene pe’ la canna. Nè truove chi nu’ manna ‘n’aurio e ‘nu rialo, sarria male Natale nu’ mannà niente. Lu strazio de’ nuciente se fa cu ‘li capune che songo a meliune scapezzate. Neh! vuje quanno trovate chiù festa e chiù allegria? Mò la pezzenteria nù cunuscimmo. E, nuje, perzò venimmo, cù feste, canto e suono p’aurià lu buono prencipio d’anno. Priesto che fenarranno li guaje e li turmiente, né mai chiù lamiente sentarrite. Spero, che vedarrite spuntà pe’ vuje ‘na stella lucenta com’è chella, e auriosa.. Spero, ch’a vuje sfarzosa la sciorte addeventasse, e che vi contentasse a tutte quante. Se si ‘nevunziante, sempe puozz’ aonnare, comme aonna lu mare ntutte l’ore. Si pò si vennetore, e tiene magazzino, se pozza ogni carlino fà ducato. Si pò sì n’avvocato, te dico solamente, che puozze avè cliente capo tuosto. Pecchè l’abbusco vuosto, nce sta d’ogne manera, si perde o va ‘ngalera, o fa denare. Puozze, si si nutare, fa poche testamiente, capitule e strumiente, nzine fine. Si ‘nu ‘ngegnere fine?.. Trovasse ricche pazze, pe’ fravecà palazze e turriune; o, meglio, a la Commune, aggranfete cu l’ogne, ca là sempe se mogne, e se va ‘nchino. Si n’ommo trafechino e vuò cagnare stato? Rijesce Deputato, o Consigliere. Tanno si’ Cavaliere! Si lu guverne appruove, l’aneme de li chiuove venerranno. Si’ prevete? Te manno l’aurio, che dimane si’ fatto parrocchiane o monsignore. Si si’ faticatore, salute, forza e accunte; accussì tu la spunte, e può campare. Però haje da scanzare lu juoco e la cantina, o ‘ncuorpo la matina niente trase.. Si si’ padrone ‘e case, te scanza lo Signore de malo pagatore cumm’e nuje. Che ‘ntiempo se ne fuje li terze si non pava; e se porta la chiava, p’altritante. Si po’ si’ navegante, n’avisse maje tempeste, fà li viagge leste e ricche ancora. Si’ miedeco? Bonora me ‘mbroglie ‘nventerate: va, puozze ogne malate fà guarire.. ‘Stì bobbe pozzo dire, si si’ nu’ speziale, sanassero ogne male, ogne dolore. Si po’ sì ghiucatore, venga la carta ‘npoppa; né puozze maje fà toppa a zecchinetto. Si essere protetto de la fortuna vuoje, cerca’e fà quanto puoje d’essere ciuccio. Sì quacche ‘mpiegatuccio?.. Puozze piglià ‘nu terno! Sinnò starrje ‘n eterno ‘ndebetato. ‘Nzomma, ‘nqualunque stato, avisse li recchizze e chelle contetizze ch’addesiria. E chi ne tene ‘mmiria, che pozza fa’ na botta, e le scennesse sotta ‘nu contrapiso. Troppo ne’ avite ‘ntiso, e ve site stuffate, e nuje simmo stracquate, e sete avimmo. Da ccà nu ‘nce movimmo, la faccia é troppo tosta, simmo venute apposta, e l’aspettammo. Neh, ch’addesiderammo? Castagne, fiche e nuce, e aute cose duce e susamielle. Due o tre canestrielle abbastano a ‘sta panza, sapimmo la crianza, e simmo poche. Primma de chesto loche nce aprite la dispenza, simme de confidenza, pigliammo tutto. O provole, o presutto, ‘n’arrusto, o ‘nu castrato, o friddo, o sia scarfato ‘nu capone. Nuje l’abbricazione sapimmo esattamente, né nce restammo niente, pé farve annore. Ca site ‘nu signore sfarzuso e curazzone, e ‘n tutt’ l’occasione, nù scumparite. Piacere anze n’avite, si v’hanno scommorate, e nce addesederate l’anno che vene. Tanno trovà chiù bene, sperammo e chiù allegria, e ‘na speziaria.de cose doce. Nce resta auzà la voce, pé cercà lecienza, danno a ‘sta bella udienza la bona notte. E bona notte, buon capodanno a tutte, e bona notte!

Commenti

Translate »