Mary e il fiore della strega: Hayao Miyazaki e la sua reazione al film

Più informazioni su

Mary e il fiore della strega: Hayao Miyazaki e la sua reazione al film. Hayao Miyazaki ebbe una reazione molto particolare al film Mary e il fiore della strega, realizzato da un suo ex-collaboratore. Hiromasa Yonebayashi era infatti stato animatore e regista per Studio Ghibli dal 1997 al 2014, quando la casa di produzione dichiarò la sospensione delle attività a causa del ritiro dello stesso Miyazaki (il quale è poi tornato a lavorare a un nuovo progetto nel 2017), ed è poi passato a Studio Ponoc, di cui è anche co-fondatore. Dopo aver completato il suo primo progetto per il nuovo studio lo ha fatto vedere agli ex-colleghi.

Hayao Miyazaki si congratulò con lui per essere riuscito a completare il film, ma scelse di non vederlo. Altre lodi, questa volta accompagnate dall’effettiva visione del lungometraggio, arrivarono da Isao Takahata, scomparso nel 2019, e Toshio Suzuki, co-fondatore di Studio Ghibli e produttore dei film di Miyazaki e Takahata.

Hayao Miyazaki, che proprio festeggia i suo ottant’anni, è considerato uno dei maestri dell’animazione a livello globale (John Lasseter, co-fondatore ed ex-dirigente della Pixar, lo ha spesso citato come fonte d’ispirazione), e ha vinto l’Orso d’Oro nel 2002 e l’Oscar per il miglior film d’animazione nel 2003 grazie a La città incantata, ad oggi l’unico film non in inglese ad essersi aggiudicato la statuetta assegnata dall’Academy.

Celebre anche la sua interazione a distanza con Harvey Weinstein, che deteneva i diritti americani di Principessa Mononoke: consapevole della reputazione di Weinstein per quanto riguardava il rimaneggiamento dei film, Miyazaki gli mandò una katana accompagnata da un biglietto con su scritto “Niente tagli“. È stato in concorso alla Mostra di Venezia tre volte tra il 2004 e il 2013, e nel 2005 ha ricevuto il Leone d’Oro alla carriera, seguito nel 2015 dal medesimo riconoscimento in occasione degli Oscar. Suo figlio, Goro Miyazaki, ha recentemente completato il primo film interamente in CGI di Studio Ghibli, che doveva debuttare al Festival di Cannes lo scorso maggio.

Fonte movieplayer

Più informazioni su

Commenti

Translate »