Le vespe non pungono più! E’ crisi

Per la Juve Stabia è crisi nera. Le vespe non sanno più vincere e non sanno neanche più combattere per vincere. La sfida a Monopoli che doveva essere la sfida del riscatto si è trasformata nella sfida delle conferme. Conferme negative purtroppo. La squadra di Padalino fa come il gambero, mai passi avanti ma grossi passi indietro di una squadra che ha perso la tramontana e si sta imbattendo in una tempesta di sconfitte. Lo Stabia in 4 partite ha racimolato due punti frutti di due pareggi e ha perso malamente contro la Ternana e oggi contro un Monopoli che non vinceva dal 22 novembre e che adesso ha soli 3 punti in meno della squadra di Padalino. A dire il vero lo Stabia ha voglia di vincere È tanta la voglia che e lo si vede da come affronta i primi minuti della gara. Lo Stabia dopo 4′ è già in vantaggio. Scaccabarozzi piazza un assist che il sempre puntuale Orlando trasforma in goal. La Juve Stabia raddoppia-  Al 7′ c’è un netto fallo di  Riggio su  Berardocco ed è rigore Va alla battuta lo stesso  Berardocco e segna il 2-0 La sfida si presenta in discesa per gli uomini di Padalino Le vespe tirano i remi in barca e il Monopoli ne approfitta a partire dal 30′ Solieri manca due volte il goal del 1-2. Goal che arriva al 36′ quando Starita beffa con Piccoli timori e accorcia le distanze. Nel secondo tempo la Juve Stabia affonda insieme ai suoi problemi esistenziali di una squadra che appena viene punita non reagisce come se avesse un blocco a livello mentale. Il Monopoli ne approfitta e al 46 pareggia con Paolucci su assist di Starita. La Juve Stabia non riesce a reagire e Tomei deve fare gli straordinari per mantenere a galla i giallo-blu- Al 49’ Soleri. tira e Tomei respinge, sulla respinta Starita non ribadisce in rete. Ancora Tomei al 52’ che salva su Paolucci. L’unico squillo della Juve Stabia è un palo di Berardocco su è punizione magistrale. Neanche l’ingresso di Ripa sveglia una dormiente Juve Stabia. Il Monopoli al 84’ va in vantaggio su un tiro di collo interno di Burino che sfrutta al meglio un assist di Starita. Lo Stabia ha un sussulto d’orgoglio con Romero ma l’allergia al goal del lungagnone centravanti di origini torinesi non permette allo Stabia di acciuffare un insperato e non meritato pareggio. Goal mangiato goal subito. Al sospirare della sfida Starita salva l’unico giocator dello Stabia degno di questa maglia, Tomei, e segna il 4-2. Fine dei giochi Lo Stabia perde e per gli uomini di Padalino il ritiro al momento sarebbe la cura necessaria. Ritiro non punitivo ma curativo Utile per curare un malato che d’immaginario non ha niente.

Commenti

Translate »