Il potere curativo dell’arte. Per i pazienti del Pascale ingresso gratuito agli Scavi di Pompei

L’arte, oltre a rallegrare gli occhi ed il cuore, ha anche effetti benefici sulla psiche e non solo. Insomma, le cose belle aiutano a vivere meglio. A tal proposito è nata una collaborazione tra il Parco Archeologico di Pompei e l’Ospedale Pascale di Napoli nel riconoscimento dell’arte come parte integrante nel processo di cura oncologica. Per questo motivo, sempre alla luce dell’andamento dell’emergenza sanitaria da Covid, dalla prossima primavera i pazienti dell’Istituto dei Tumori Pascale di Napoli potranno entrare gratuitamente agli Scavi Archeologici di Pompei. E’ previsto, inoltre, uno sconto del 20 per cento sul costo del biglietto al loro accompagnatore. In pratica – come riporta Vesuvio Live – ad ogni paziente che è oppure è stato in cura presso l’ospedale Pascale sarà rilasciata una card che gli consentirà l’ingresso gratuito nell’area archeologica pompeiana.

Si tratta della prima ed unica iniziativa del genere in Italia e che sicuramente potrà dare vita ad altre collaborazioni simili. Attilio Bianchi, direttore generale del Pascale, ha voluto ringraziare il presidente Vincenzo De Luca che per primo ha creduto all’iniziativa ed il direttore del complesso archeologico di Pompei Massimo Osanna per la sensibilità e la profonda convinzione che permetterà di creare le basi per una fruizione agevolata del patrimonio da dedicare ai pazienti che vanno assistiti e curati non solo nel corpo, con la convinzione che l’arte e la bellezza rappresentano dimensioni decisive nel supporto ai percorsi di cura.

Commenti

Translate »