Forum dei Giovani: tra i vincitori del bando regionale anche Furore. Il servizio del Tgr Rai Campania segui la diretta

Più informazioni su

Forum dei Giovani: tra i vincitori del bando regionale anche Furore. Il servizio del Tgr Rai Campania.

Il Forum dei Giovani ha tracciato un bilancio dell’attività svolta in cinque anni: proprio su questo è stato realizzato un servizio del Tgr Rai Campania.

Cultura, ambiente, paesaggio, memoria, rilancio delle aree interne: sono i temi sviluppati dai Forum Giovanili dei 29 piccoli comuni vincitori dell’ultimo bando regionale ‘Giovani in Comune’. A ciascuno fondi tra i dieci ed i quindicimila euro. È l’ultimo atto del presidente del Forum Regionale dei Giovani, Giuseppe Caruso, che a conclusione del suo mandato quinquennale traccia bilanci e prospettive, si sente.

“Noi vogliamo che si riparta da tre fondamenta: lavoro, comunità e cultura – ha detto -. Siamo certi che mettendo insieme tutte le buone forze che vengono rappresentate da questa Regione e dai giovani di questa Regione ci sarà un futuro migliore per questo nostro territorio”.

Oltre trecento i Comuni Campani coinvolti in questi anni, con l’obiettivo di catalizzare le idee e la partecipazione dei giovani, tanti i progetti messi in campo. 

“Tanti sono stati i progetti che abbiamo finanziato, penso proprio ai Forum dei singoli Comuni, ma anche il programma Benessere Giovani, che è iniziato nella scorsa legislatura – ha affermato l’Assessore Regionale Politiche Giovanili, Lucia Fortini -, il programma Promossi, che ha mandato in giro per il mondo i nostri studenti”.

“Il Forum serve soprattutto ad avvicinare i giovani alle istituzioni – ha aggiunto il Presidente del Consiglio Regionale, Gennaro Oliviero -, a creare la cultura dell’istituzione che nel nostro Paese e nella nostra Regione sono importantissime. Riuscire a farlo è ancora più importante”.

Tra i Forum dei Giovani ad aver ottenuto un finanziamento dalla Regione di 15mila euro, ricordiamo, c’è anche Furore, nella nostra Costiera Amalfitana, per la realizzazione del progetto denominato “Talking paths”.

Più informazioni su

Commenti

Translate »