Dall’Inps,anche per il 2021,una serie di bonus che si possono richiedere con l’Isee basso, che va rinnovato.

Dal Bonus bebè a quello asilo nido, fino al Reddito di cittadinanza e alla Social card, sono diverse le agevolazioni previste per le famiglie in difficoltà. Dall’Istituto di Previdenza si ricorda che il rinnovo dell’Isee è fondamentale per continuare a percepire tutte le numerose prestazioni assistenziali e bonus previsti dalla normativa vigente-

La manovra, approvata alla fine del 2020, ha introdotto una serie di bonus per cittadini e famiglie meno abbienti.  Su tale fronte l’Inps  rende noto che anche per il 2021 molte sono le agevolazioni che spettano a chi a un Isee sotto ai 10mila euro. Come è noto  l’Isee, ovvero l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente, offre una valutazione sulla situazione economica di una famiglia che intende richiedere una prestazione sociale agevolata, e servizi assistenziali,il cui accesso è legato al possesso di determinati requisiti soggettivi. Si può richiedere attraverso la Dsu, la Dichiarazione Sostitutiva Unica (che è valida dal momento in cui è presentata fino al 31 dicembre dell’anno corrente). Pertanto per poter usufruire di bonus e agevolazioni è necessario rinnovare l’Isee per il 2021. Per il rilascio del modello Isee, il contribuente può recarsi al CAF per la compilazione gratuita della DSU, chiedere la consulenza di un commercialista o procedere autonomamente online sul sito dell’INPS.  Il rinnovo  è fondamentale per continuare a percepire  tutte le numerose prestazioni assistenziali e bonus previsti anche per l’anno 2021.

Bonus Bebè  – Per il 2021 tra le agevolazioni previste dall’Inps, il cui importo viene calcolato in base all’Isee, è stato rinnovato  il bonus bebè, cioè l’assegno riconosciuto alle famiglie con bambini nel primo anno di vita o nel primo anno di inserimento nel nucleo familiare se il bimbo è stato adottato. Si può richiedere anche nel caso in cui si abbia un Isee superiore ai 40mila euro, ma ne hanno diritto in misura piena quanti abbiano un Isee sotto ai 7mila euro. In questo caso spettano 160 euro per il primo figlio e 192 euro per i figli successivi al primo.

Bonus Asilo nidoSi tratta di un contributo erogato dall’Inps a cadenza mensile per pagare le rette degli asili nido, pubblici e privati, e/o l’assistenza domiciliare per bambini con età inferiore ai tre anni, affetti da gravi patologie, per ogni figlio nato, adottato o in affido preadottivo fino al primo anno di età del bebè o al primo anno di ingresso in famiglia. La domanda deve essere presentata entro 90 giorni dalla nascita o dall’ingresso in famiglia del minore. Tutte le famiglie possono richiedere il bonus per pagare la retta dei figli iscritti al nido, ma soltanto chi ha un Isee inferiore ai 25mila euro può ottenere l’importo massimo ossia fino a 3mila euro.

Bonus per mamme e famiglie – Per il 2021 sono previsti una serie di bonus e incentivi per le famiglie con figli. A partire dall’assegno unico familiare che sostituirà altri sgravi fiscali. Si tratta di un contributo assegnato a nuclei con uno o più figli a carico che verrà erogato fino al compimento del ventunesimo anno di età -Per i nuclei familiari con figli sono previsti una serie d’incentivi, a partire dall’assegno unico che andrà a sostituire altri sgravi fiscali fino ai provvedimenti che riguardano, la nascita di un bambino o il congedo parentale obbligatorio per i papà. Per le famiglie con più di due figli e con disabili è prevista una maggiorazione. Si prevede una quota fissa che va dai 200 ai 250 euro nel 2021, più una variabile determinata dall’ISEE.

Social card Per chi ha un Isee basso è prevista anche la Social card, riservata a cittadini di età superiore ai 65 anni o genitori di bambini sotto i 3 anni. Possono avere la Social card i cittadini che versano in situazioni di disagio economico. Per ottenerla è richiesto un Isee massimo di 6.966,54 euro. La carta acquisti ordinaria è una carta di pagamento elettronica sulla quale vengono accreditati dallo Stato 40 euro al mese per un totale di 480 euro l’anno: con questa somma si può effettuare la spesa alimentare in punti vendita convenzionati o il pagamento di bollette negli uffici postali. Ai titolari è concesso anche uno sconto del 5% sugli acquisti in negozi e farmacie convenzionate.

Reddito di cittadinanza– Con un Isee basso si può chiedere all’Inps anche il Reddito di cittadinanza. L’Istituto elenca nei requisiti per il Reddito di cittadinanza: “Isee ordinario o minorenni in corso di validità inferiore a 9.360 euro”. Per i pensionati over 67 a basso reddito Isee è invece prevista la pensione di cittadinanza.

Bonus sociale per il disagio economico – Tra gli altri bonus per chi è in difficoltà ricordiamo il Bonus sociale per il disagio economico. Possono accedervi le famiglie che hanno un Isee inferiore o uguale a 8.265 euro. Per i nuclei familiari con almeno 4 figli a carico la soglia è innalzata a 20mila euro. Si tratta di un’agevolazione che prevede uno sconto nella bolletta di luce, gas e acqua: l’erogazione è automatica presentando la Dsu ogni anno.

Bonus Comuni– Per le famiglie con Isee basso ci sono anche vari bonus e agevolazioni erogati dai Comuni. I provvedimenti variano da città a città. Tra gli altri, va ricordato il Bonus affitto e il Bonus spesa.

Dall’Istituto di Previdenza si ricorda ancora una volta che il rinnovo dell’Isee è fondamentale per continuare a percepire tutte le numerose prestazioni assistenziali e bonus previsti dalla normativa vigente – 23 gennaio 2021 – salvatorecaccaviello

Fonte: Sky TG24

Commenti

Translate »