Coronavirus, De Luca: “Con comportamenti irresponsabili chiudo tutta la Campania” segui la diretta

Più informazioni su

Coronavirus, De Luca: “Con comportamenti irresponsabili chiudo tutta la Campania”.

Anche oggi, come oramai usuale per ogni venerdì dall’inizio della pandemia, alle 14.45 il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, durante la diretta settimanale per gli ultimi dati sul Coronavirus, ha fatto il punto della situazione sull’epidemia e sullo stato di attuazione della campagna per le vaccinazioni.

Nel corso della diretta ha parlato anche dell’impegno che si sta mettendo in campo per realizzare un programma di rilancio con i fondi europei, concreto e credibile, finalizzato a creare crescita economica e opportunità di lavoro per i giovani campani.

Siamo in zona gialla ma non dobbiamo esaltarci – ha esordito il governatore della Campania -. C’è un aumento non straordinario ma sensibile di contagi. Sarebbe un suicidio per la Campania immaginare che con la zona gialla siamo di fronte ad un rompete le righe e che possiamo consentirci di fare la ricreazione. Se avremo comportamenti irresponsabile la Campania sarà chiusa tutta“.

“Il mio obiettivo – ha continuato – è quello di fare della Campania la prima regione d’Italia e d’Europa ad uscire dall’epidemia. Voglio che ci impegniamo in una sfida quasi folle. Una operazione di straordinaria complessità al limite della pazzia ma sono convinto che, se avremo la disponibilità di 8 milioni e 400mila vaccini, siamo in grado di raggiungere questi obiettivi entro dicembre del 2021″.

Proprio per quanto riguarda i vaccini, ha detto: “Abbiamo dato dimostrazione di grande efficienza e questa cosa infastidisce qualcuno. Abbiamo individuato ieri un giornalista Rai che si è inserito nelle code presentandosi come medico. Già nei giorni scorsi abbiamo avuto gente che si è imbucata, centinaia di persone. Ma il giornalista è stato clamoroso. È stato ‘sgamato’, è stato invitato ad andarsene ed ha fatto pure storie. È l’ultima di una serie di storie sconcertanti. Avremo entro gennaio 340mila vaccini, cioè giusto quello che ci serve per fare prima e seconda somministrazione per circa 160mila cittadini della Campania, ovvero personale medico-sanitarie e per residenze sanitarie assistite per anziani. Ma a fine gennaio avremo vaccini sufficienti solo per 180mila campani, fino a tutto il mese di febbraio 2021. Per febbraio avremo messo in sicurezza gli ospedali ma dal punto di vista della popolazione campana siamo ancora a livelli molto limitati“.

Sulle scuole ha invece affermato: “Nei prossimi giorni prenderemo delle decisioni sulle scuole, non credo che andremo all’apertura generalizzata. Probabilmente avremo un ulteriore incremento per le elementari. Vorremmo impegnare i medici di medicina generale per fare centinaia di migliaia di tamponi antigenici al personale scolastico – spiega – e avere un’apertura di massa delle scuole dopo aver avviato questa campagna di screening sul personale scolastico”.

Il governatore è intervenuto anche sulla crisi del Governo, dicendo che si tratta di “una situazione francamente imbarazzante, come se non avessimo abbastanza problemi, una situazione che sta screditando l’Italia in Europa e nel mondo”.

 

Più informazioni su

Commenti

Translate »