Salerno. Indiano semina il panico al Ruggi: arrestato

Più informazioni su

Salerno. Indiano semina il panico al Ruggi. L’uomo ha inveito contro le persone in attesa al pronto soccorso: arrestato

Senza alcun motivo ha iniziato a urlare con la mascherina abbassata sotto il mento, per poi aggredire un uomo nella sala d’attesa del Pronto soccorso dell’ospedale “Ruggi d’Aragona” di Salerno seminando il panico tra i parenti dei pazienti in attesa di notizie sui propri cari. È accaduto ieri verso le 14.30: un uomo di origini indiane, intorno ai 30 anni, si aggirava già da un po’ nel presidio fino a quando ha raggiunto il pronto soccorso dove ha iniziato a mostrare fin da subito segni di insofferenza, senza alcuna ragione, per poi inveire contro le persone che si trovavano nella sala attigua al pronto soccorso. Il personale della polizia penitenziaria in quel momento si trovava sul posto per accompagnare un detenuto e ha provato a calmarlo. Ma l’uomo nel giro di poco tempo, come una furia, ha iniziato a manifestare tutta la sua ira, prima con parole violente e gesti minacciosi, e poi alzando le mani contro un uomo che era in attesa di notizie su un parente in visita al pronto soccorso.

A quel punto è intervenuto il vigilante Achille Ferrara , responsabile della sicurezza del presidio di via San Leonardo della ditta “Doria”, insieme ad altri colleghi. L’uomo a quel punto è stato bloccato e nel frattempo sono arrivati gli agenti del drappello ospedaliero di polizia che hanno subito allertato i colleghi del reparto Volanti per arrestare l’uomo.

Una brutta esperienza per chi si trovava nella sala d’attesa, soprattutto in questo momento di diffidenza dovuto al pericolo dei contagi. Allo spavento dovuto alle manifestazioni d’ira e alla concreta possibilità che l’uomo prendesse di mira più persone, si è aggiunta la circostanza grave che l’uomo non indossasse correttamente la mascherina. Parlando in modo animato e avvicinandosi alle persone ha seminato il panico. Per fortuna il personale della sicurezza, anche se controlla un’area molto vasta, vista la complessità dei plessi dell’ospedale di via San Leonardo, monitora quasi costantemente il pronto soccorso e comunque verifica di continuo tramite i monitor il reparto dove in genere si possono verificare episodi di inciviltà o di violenza. L’uomo è stato trasportato in Questura per essere ascoltato dagli agenti. Le persone che erano presenti al pronto soccorso hanno parlato di una persona che non sembrava sotto effetto di droghe né ubriaco.

Fonte La Città di Salerno

Più informazioni su

Commenti

Translate »