Positano. La grande Raimonda Gaetani che apprezza “Favolemia” di Giuseppe Rispoli. Chi è la nostra cittadina illustre?

Più informazioni su

Positano , Costiera amalfitana. Un bel post sul profilo facebook di Giuseppe Rispoli che ha fatto molto piacere a noi di Positanonews

“Stamattina ho ricevuto la telefonata della grande costumista e scenografa

Raimonda Gaetani

che mi ha lusigato un mondo per aver letto le mie favole e aver ritrovato il mio “pasetanese” di fantasia. Era talmente contenta che le veniva voglia di fare dei disegni. Sto saltando ancora di gioia…

Sotto foto di bozzetti di Raimonda Gaetani, scenografa e costumista per lo spettacolo Il suicida di Erdman regia di Armando Pugliese con Luca De filippo nel lontano 1999. Io interpretavo un macellaio… “dimesso”😂 foto di Federico Riva”
Raimonda Gaetani bozzetti suicidi e Giuseppe Rispoli
Raimonda Gaetani bozzetti suicidi e Giuseppe Rispoli

 

Ma chi è la nostra cittadina illustre? Lo diciamo a chi non è della cittadina della Costa d’Amalfi o non fa parte del mondo dell’arte e del teatro, visto che qui è conosciutissima in Campania e in Italia e non solo.. Per noi è anche la “signora”  contessa della Torre, parliamo di quella alla Sponda, che si affaccia sulla spiaggia, scenario romantico di storie d’amore fra coppiette e Vip . Raimonda Gaetani è una delle grandi donne di cultura per le quali noi di Positano dovremmo essere tutti orgogliosi

Una breve biografia di Raimonda Gaetani

Raimonda Gaetani – Nasce a Napoli, dove studia Architettura. Per la prosa, nel 1973, disegna i costumi per Sabato, domenica e lunedì di Eduardo De Filippo, andato in scena all’Old Vic di Londra, diretto da Franco Zeffirelli, con Sir Laurence Olivier e Joan Plowright. Sempre per Zeffirelli, disegna scene e costumi per la produzione inglese della commedia Filumena Marturano di De Filippo al Lyric Theatre a Londra, ripreso poi al Teatro Reale di Copenhagen ed al Teatro Nazionale di Oslo. Dal 1974 inizia la collaborazione con Eduardo De Filippo, per il quale disegna scene e costumi per le sue produzioni a Roma, Napoli e Firenze. Ha anche disegnato per molte produzioni televisive di De Filippo, Scarpetta e Pirandello. Al National Theatre di Londra crea scene e costumi per Inner voices (Le voci di dentro) con Ralph Richardson, diretto da Mike Ockrent. Di nuovo per Zeffirelli, al Teatro Greco di Taormina, disegna i costumi per Sei personaggi in cerca d’autore di Pirandello. Nel 1984, disegna i costumi di Spettri di Ibsen, diretto da Kirsten Sorlie, al Rogaland Theater in Norvegia, seguito da Sabato, domenica e lunedì e La grande magia di De Filippo. Per il Teatro Nazionale di Bergen firma i costumi per Don Giovanni diretto da Bentein Baardson, seguito da Bernarda Alba di Lorca; mentre nel 1999 disegna scene e costumi per Il suicida di Erdman a Bergamo. Per Absolutely, perhaps (Così è, se vi pare) di Pirandello, diretto da Zeffirelli al Windham Theatre, con Joan Plowright, ha ricevuto l’Oliver Award Nomination per i migliori costumi dell’anno. Lavora con Luca De Filippo per varie commedie del padre, per Don Giovanni di Molière, e, nel 2012, per La Grande Magia al Piccolo Teatro di Milano. Ha anche collaborato con tanti registi italiani, tra cui Armando Pugliese, Carlo Cecchi, Enrico Maria Salerno, Mario Monicelli. Per il teatro musicale, ha disegnato scene e costumi per: Cavalleria rusticana e Pagliacci per l’Opera North e, nel 1992, per Pagliacci, diretta da Zeffirelli, all’Opera di Roma, a Los Angeles ed al Kennedy Center di Washington con Placido Domingo. Sempre con la regia di Franco Zeffirelli, nel 2003, una nuova produzione di Pagliacci è stata fatta per il Covent Garden di Londra; un’altra nuova edizione di Pagliacci è andata in scena nel 2005 per l’Hellenic Festival al Teatro Herodus Atticus di Atene, ripresa nel 2007 al Kremlin Palace di Mosca, successivamente la produzione è stata ripresa all’Opera di Roma, al Carlo Felice di Genova, al Filarmonico di Verona. Ha creato i costumi per La Traviata al Metropolitan di New York (1998) e per Il Trovatore (2001) all’Arena di Verona, entrambi diretti da Zeffirelli. Nel 2007 disegna i costumi per La Traviata all’Opera di Roma, regia di Zeffirelli, ripresa nel dicembre del 2008 al Teatro Verdi di Salerno con la direzione di Daniel Oren. La Traviata è stata poi ripresa al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, all’Opera di Roma ed al Teatro della Maestranza di Siviglia. Per il balletto ha disegnato: Esoterik Satie di Lorca-Massine per il Teatro alla Scala; Pulcinella per il Teatro La Fenice; Gaîté Parisienne per l’Opera Garnier di Montecarlo e per il Teatro Bolshoi; Peer Gynt di Jamey Hampton per il Grand Theatre di Ginevra; Capriccio musica di Stravinskij e coreografia di Massine per l’Opera di Roma. Con la regia di Beppe Menegatti firma scene e costumi dei balletti: Maria Stuarda ultima notte e Lo Schiaccianoci per il Teatro Nazionale di Roma con Carla Fracci, e Raymonda per l’Opera di Roma. Per il cinema, ha lavorato con Nando Scarfiotti nel film Avanti, diretto da Billy Wilder, con Danilo Donati per Casanova (Academy Award for Costumes) diretto da Federico Fellini, per Cuore Semplice con Adriana Asti regia Giorgio Ferrara. È stata “Art director” per il film Il giovane Toscanini con Elizabeth Taylor e Storia di una Capinera di Zeffirelli nel 1992. È stata “Production designer” per lo speciale “Leonardo 2000”, una produzione sperimentale in “Showscan”, diretto da Douglas Trumbull. Vive tra Roma, Napoli e la Toscana.

Più informazioni su

Commenti

Translate »