Insigne salva un Napoli vergognoso

Più informazioni su

Il Napoli conclude il suo anno orribile profanando il tempo di D10S. Nello stadio dedicato a Maradona ad un mese dalla sua drammatica morte la squadra di Gattuso ha la capacità di fare resuscitare il cadavere del Torino. Solo Gattuso poteva riuscirci. La squadra appare molle, svogliata e a lento pede cercare la vittoria. Non si corre, non si marca ma è già in vacanza natalizia. La banda Gattuso non riesce a superare la squadra più scarsa nella storia del Toro. Ma il mister ha la fortuna, il cosiddetto cul di Gattuso di avere nelle sue fila un campioncino che al sospirare della sfida segna il goal dell’immeritato pareggio. Al netto delle azioni il Toro doveva vincere. Il gioco del Napoli è monotono e mono-tattico. Non ha cambio passo. Ad accentuare questo stato latente del Napoli sono le scelte di Gattuso. Non è possibile non inserire Mario Rui, l’unico terzino sinistro, seppur indecente, quando in campo hai di fronte una squadra che devi attaccare e quando hai Petagna a cui servire i cross. Hysaj poteva al massimo giocare a destra al posto del presuntuoso Di Lorenzo che anche oggi si è creduto di essere un centravanti e non ha passato a Petagna un quasi sicuro goal. Il Toro invece piano piano con gli indiavolati Belotti e Verdi, ha cercato di imbrigliare il Napoli. Al 13’ la prima azione è del Torino. Maksimovic, si salvi chi può, scivola e permette a Verdi di tirare Meret respinge. Ancora Belotti  al 21’ che avanza fuori e senza ostacoli e tira fuori di poco. Ancora Toro con Izzo al 30’ e al 31’ .Napoli non pervenuto. Al 40’ Zielinski tenta la via del goal. Nel secondo tempo da pietà il Napoli diventa vergognoso. Questa squadra non è degna di scendere in campo nello stadio che è stato dedicato al più grande dei grandi Diego Armando Maradona. Sempre palla all’indietro quando sarebbe stato necessario fare qualche lancio lungo su Petagna e dopo su LLoriente. Al 55’ Izzo porta in vantaggio il Torino. Calcio d’angolo dalla sinistra. Belotti spizzica e Izzo di contro-balzo segna. Nel Napoli entrano prima LLoriente e Lozano ed il Napoli cerca almeno di fare qualcosa. Al 77’ Zielinski di testa sciupa un’occasione d’oro. Entrano Fabian Ruiz e Mario Rui, perché non metterlo dall’inizio? e ancora niente cambia. Ci vuole un’invenzione di Lorenzo il magnifico con un Diegoaal. Napoli-Torino 1-1 e ci è andata pure bene. Bravo Gattuso a pareggiare anche contro l’ultima in classifica che ha perso contro tutti.

IL TABELLINO di NAPOLI-TORINO 1-1

MARCATORI: 56’ Izzo (T), 92’ Insigne (N)

NAPOLI (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Maksimovic, Manolas, Hysaj (71’ Mario Rui); Bakayoko (71’ Fabian Ruiz), Demme (30’ Elmas); Politano (63’ Lozano), Zielinski, Insigne; Petagna (71’ Llorente). All.: Gattuso

TORINO (5-3-1-1): Sirigu; Singo, Izzo, Buongiorno, Bremer, Rodriguez (88’ Vojvoda); Lukic (89’ Meite), Rincon, Linetty (94’ Segre); Verdi; Belotti (89’ Zaza). All.: Giampaolo

L’articolo prosegue qui sotto

Arbitro: Valeri

Ammoniti: Izzo (T), Buongiorno (T), Bakayoko (N), Linetty (T), Elmas (N), Di Lorenzo (N)

Espulsi: Nessuno

Più informazioni su

Commenti

Translate »