Gli auguri di Natale di Mons. Arturo Aiello, vescovo di Avellino ed ex parroco di Piano di Sorrento segui la diretta

Gesù in questo Natale ci sarà, e tu?

“Questa notte è scura scura perché a brutta pandemia si è rubata l’allegria, siamo tutti poverielli ma dentro o scuro o buon Gesù nasce chiù lucente”. Questi sono i versi di Michelina Paturzo con i quali Mons. Arturo Aiello, vescovo di Avellino e per tanti anni parroco a Piano di Sorrento, inizia il suo videomessaggio di auguri per Natale: «I versi di Michelina Paturzo sono semplici ma veri. Tanta gente pensa che questo Natale non sia Natale, che bisogna cancellarlo, che dobbiamo riandare ai Natali passati o proiettarci a quelli che verranno. Invece in questo Natale c’è una grazia. Forse abbiamo fatto troppa attenzione alla cornice che per noi è diventata così importante da oscurare il quadro. Adesso siamo senza cornice, ovviamente è un momento drammatico e tragico, ma forse siamo nella condizione migliore per ricevere l’annuncio del Natale. “Siamo tutti poverielli”, dice Michelina Paturzo, cioè siamo nella condizione di povertà dei pastori, dei Magi, di Maria e Giuseppe, di quanti si accostano alla grotta per essere illuminati in questa notte.

Forse per questo Natale basta una candela accesa. Natale è la festa della luce, ma la luce la possono capire solo le talpe e tutti coloro che sono stati al buio. Il profeta Isaia dice: “Il popolo che camminava nelle tenebre vide una grande luce”. E nella notte di Natale ci sono dei pastori che vegliano sul loro gregge al buio, giunge un angelo e la luce li abbaglia. I pastori ebbero timore ma l’angelo disse: “Non temete, vi annuncio una grande gioia. Oggi è nato per voi un Salvatore. Questo è il segno, vedrete un bambino deposto in una mangiatoia”.

La luce ha bisogno di un lampione, di un lucernario, di un candeliere. E Dio sceglie una donna, Maria di Nazareth, un contenitore meraviglioso e regale per accogliere la luce che egli vuole mandarci. E’ il Figlio di Dio incarnato, risplende la Madre che dà alla luce il suo Bambino, quello che adoriamo e che illumina ogni uomo, anche la notte della nostra pandemia e del nostro cuore in questo Natale. Basta una candela per fare Natale quest’anno. Gesù in questo Natale ci sarà, e tu? Santo Natale».

 

Commenti

Translate »