Conoscete il famoso detto napoletano Mo Vene Natale Nun Teng Denare?

Più informazioni su

    Conoscete il famoso detto napoletano Mo Vene Natale Nun Teng Denare?

    Carosone

    Si tratta in realtà di un verso di un’antica filastrocca partenopea.

    Quante volte lo abbiamo sentito dire, o magari questa rima l’abbiamo pronunciata anche noi.

    In effetti questa vecchia cantilena in dialetto è quantomai attuale.

    E’ sempre più difficile oggi, sopratutto per chi non ha molta disponibilità in tasca, fare i regali a Natale.

    Con la crisi che ormai perdura da anni, si bada bene al risparmio, cercando di non spendere troppo.

    Mo Vene Natale Nun Teng Denare: Origine e Significato del detto napoletano
    Ma queste parole hanno moltissimi anni.

    Esse fanno parte di questa vecchia filastrocca napoletana che cita così:

    “Nuvena nuvena / mo vene Natale / nun tengo denare / m’appiccio ‘na pippa / e me vaco a cuccà”.

    A sua volta essa molto probabilmente discende da una simile filastrocca siciliana: “Mo’ vene Natale e u ttegnu dinari; mi pigghiu a pippa e mi mindu a fumari!“

    Questa cantilena la pronunciavano quei vecchietti fumatori di pipa, davvero poveri, per il quale il Natale non era regali e abbuffate varie, ma invece era vissuto intensamente nello suo spirito autentico.

    I napoletani poi hanno “importato” queste rime e le hanno introdotte nella loro cultura.

    Infatti la parte ” Mo Vene Natale Nun Teng Denare ” è diventata in seguito parte di una nota canzone di uno dei re della canzone napoletana, Renato Carosone.

    Carosone e i suoi parolieri hanno creato attorno a questa filastrocca un testo musicale che uscì nel lontano 1959.

    Ancora oggi per i vicoli di Napoli si può sentire qualcuno che intona questa canzone, divenuta ormai famosissima, ed entrata con questo detto nel linguaggio napoletano e anche campano.

    Ecco il testo della canzone:

    Coro:
    Mo vene Natale
    nun tengo denare
    me leggio ‘o giurnale
    e me vaco a cuccà.
    Mo’ vene Natale
    nun tengo denare
    me leggio ‘o giurnale
    e me vaco a cuccà.

    Solo:
    Mamma, mamma
    e damme n’a mano
    ca doppo dimane fernesce ‘a semmana
    e nun saccio che fa, e nun saccio che fa.

    Coro:
    Mo’ vene Natale
    nun tengo denare
    me leggio ‘o giurnale
    e me cavo a cuccà.
    Mo’ vene Natale
    nun tengo denare
    me leggio ‘o giurnale
    e me vaco a cuccà.

    Finale:
    E me vaco a cuccà,
    e me vaco a cuccà.

    Bella la versione di Carosone, ma quella più popolare è cantata in maniera più stretta e veloce.

    Più informazioni su

      Commenti

      Translate »