Cava de’ Tirreni: lite all’ufficio postale. Scatta la denuncia a un utente sordomuto

Cava de’ Tirreni. All’ufficio postale la lite tra un utente e un operatore degenera e si sfiora la rissa. A farne le spese è l’uscita di emergenza dell’ufficio, danneggiata dall’utente poi allontanato dagli agenti della Polizia di Stato e condotto in commissariato per identificazione e denuncia. L’episodio, verificatosi presso l’ufficio centrale di via Andrea Sorrentino, arriva all’esito di una serie di disagi e proteste registratisi nei giorni scorsi e che stanno mettendo a dura prova la pazienza di chi è costretto in fila per lunghi periodi di tempo in attesa di poter accedere ai servizi postali. La medesima situazione si ripete ogni giorno anche nelle poste della Costiera amalfitana e della Penisola sorrentina. Solo qualche settimana fa vi abbiamo raccontato di una rissa a Sant’Agnello.

Come racconta La Città di Salerno, la situazione è degenerata quando un utente sordomuto, come detto dai presenti – indignato per le difficoltà comunicative con un operatore allo sportello, a sua volta impossibilitato ad evadere una richiesta in merito ad alcune pratiche Inps non di sua competenza – è andato in escandescenza tanto da scagliare un pannello divisorio contro la vetrata dell’uscita d’emergenza dell’ufficio. La veemenza del gesto ha comportato il danneggiamento della porta e, contestualmente, ha scatenato non poca apprensione tra i presenti tanto da richiedere l’intervento delle autorità competenti per calmare l’utente. Sul posto sono giunti gli agenti della Polizia di Stato, con il vicequestore aggiunto Giuseppe Fedele, che hanno provveduto a condurre l’uomo presso il locale Commissariato di Pubblica Sicurezza dove è stato identificato e denunciato all’Autorità.

Commenti

Translate »