Calcio, “Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta”

“Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta”. Probabilmente non c’è frase più appropriata per descrivere che a Natale, forse il giorno più importante dell’anno in termini religiosi ed affettivi, tantissimi tifosi partenopei si siano recati davanti al murales di Maradona per ricordarlo ad un mese dalla sua scomparsa. Fumogeni rossi e un minuto di raccoglimento: ecco cosa ha organizzato Massimo Vignati, figlio della sua governante ed ideatore del museo dedicato a Diego attraverso l’associazione “Saverio Silvio Vignati – La storia continua”. “Ci unirà per sempre un legame indissolubile”, afferma Massimo. “Siamo ancora rattristati per la sua scomparsa e questo periodo di festività accentua il dolore. Siamo sicuri che il suo spirito non lascerà mai soli questa città e soprattutto la squadra che ha amato tanto. Oggi lo ricordiamo tutti insieme in maniera silenziosa e raccolta. Il nostro saluto e abbraccio va anche ai suoi familiari che, più di noi, soffrono per la sua perdita».

 

Commenti

Translate »