Vico Equense. Il Comune taglia la Tari alle famiglie più disagiate

Più informazioni su

Vico Equense. Il Comune taglia la Tari alle famiglie più disagiate. Riduzione della Tari per le famiglie disagiate. È il provvedimento adottato dal Comune di Vico Equense per aiutare i nuclei familiari che vivono in condizioni di difficoltà economica. La giunta comunale ha, infatti, istituito un fondo di solidarietà a sostegno delle famiglie in grave disagio socio-economico. Il fondo avrà una capienza di 40mila euro e i contribuenti in situazioni di difficoltà potranno presentare domanda entro il 30 dicembre, per ottenere uno sgravio sul pagamento della Tari 2020. Requisito necessario sarà, tra gli altri, l’essere in regola con il pagamento della tassa per il 2019 al momento della presentazione dell’istanza, e l’aver pagato entro il termine di presentazione della domanda, le prime due rate della Tari di quest’anno. La graduatoria terrà ovviamente conto del reddito familiare Isee dichiarato, attribuendo un punteggio a seconda della cifra percepita. Per un Isee non superiore a 6702,02 euro sarà previsto uno sgravio di due rate, invece per un tetto non superiore a 8265,00 euro, l’esonero stabilito è di una rata. Per la formulazione della graduatoria si terrà conto di una serie di parametri: da zero a 4mila euro punti 100; da 4.000,01 euro a 5.954,00 euro punti 95; da 5.954,01 euro a 8.265,00 euro punti 90. A parità di punteggio di fascia sarà privilegiato il nucleo familiare al cui interno vi sono soggetti con disabilità grave. Le domande devono essere presentate su apposito modulo predisposto dal servizio politiche sociali, corredate da reddito Isee, copia modello F24 e documento riconoscimento del richiedente. Il servizio politiche sociali si occuperà della graduatoria, che sarà pubblicata sul sito internet del Comune. «L’amministrazione ha voluto istituire un fondo di solidarietà – spiega il primo cittadino – per dare un concreto segnale di aiuto a chi vive in situazioni di disagio socio-economico. L’effetto della crisi e del periodo emergenziale si fa sentire; c’è chi vive in oggettive difficoltà finanziarie» afferma il sindaco Andrea Buonocore.

Fonte Il Mattino

Più informazioni su

Commenti

Translate »