Quantcast

Terza sconfitta per le streghe. C’è aria di crisi?

Più informazioni su

Terza sconfitta per le streghe. C’è aria di crisi?

Aria di mini crisi nella casa delle streghe sannite. Terza sconfitta di fila dopo Napoli, Empoli ora anche Verona. La crisi riguarda solo i  risultati però. La squadra sannita nel primo tempo ha ben battagliato contro un ottimo Verona. Le due squadra nei primi 15 minuti si sono ben studiate. Inzaghi ha cercato d’imbrigliare i ragazzi di Juric attuando un pressing alto in modo da chiudere centralmente le linee di passaggio. La svolta si è avuta al 17′ quando Barak porta in vantaggio con un bel tiro la squadra scaligera. Ma il Benevento non si perde d’animo Si ributta in attacco ma l’unica colpa è quella di essere molto sciupone Al  26′ Insigne manca il pareggio con un tentativo di pallonetto male riuscito. Al  31′ è il turno di Caprari tentare il goal ma il suo  tiro è deviato in angolo  Su angolo seguente al 32′ Dabo colpisce di testa ma il pallone va fuori. Il Verona risponde con un tiro cross di Zaccagni al 35′ ma  Montipò devia in angolo un pallone velenoso che sapeva di beffa. Tra il 36′ ed il 38′ Insigne manca due goal fatti Il primo con un tiro deviato in angolo da Zaccagni. Nel secondo invece manca da pochi passi il goal facendosi ipotizzare da Silvestre Al 39 il Verona con Ilic sciupa un rigore in movimento. Nel secondo tempo la situazione sembra cambiare a favore dei sanniti. Al 55 pareggio di Lapadula su assist di Caprari. Ma il Verona di stasera non vuole vedere le streghe del post Hallowen e cerca insistentemente la via del raddoppio. Ci prova al 57 Kalinic ma il centravanti croato sciupa un ‘occasione da goal. Ma oggi il Verona ha un’arma in più in Barack , rientrato e guarito dal Covid-19. che raddoppia con un bell’esterno sinistro che fulmina Montipò. Il Benevento non si da per vinto e reclama un rigore per un dubbio, quasi inesistente, fallo su Caprari. Il giocatore viene ammonito per potreste. Ma non contento invece di pensare a coprire la sua fascia d’appartenenza ricomincia a discutere  con il quarto uomo. Risultato doppia ammonizione ed espulsione. In 10 il Benevento può fare ben poco. Kalinic colpisce la traversa di testa al 66’. Espulsione ingenua e ingiustificata. Il giocatore prende nettamente il terreno. Il terzo goal del Verona arriva al 75′ Cross dalla sinistra e Lazoric segna con un colpo di testa preciso. Terza sconfitta per Inzaghi. C’è aria di crisi. Si spera di no. Per il Verona 11 punti come Inter, Napoli e Roma.

IL TABELLINO

VERONA-BENEVENTO 3-1

Marcatori: 17′ Barak, 56′ Lapadula, 63′ Barak, 77′ Lazovic

VERONA (3-4-2-1): Silvestri; Ceccherini (90+3′ Günter), Lovato (46′ Dawidowicz), Empereur (46′ Magnani); Lazovic, Tameze, Ilic, Dimarco; Barak (90+3′ Colley), Zaccagni; Kalinic (87′ Di Carmine).

BENEVENTO (4-3-2-1): Montipò; Letizia, Glik, Caldirola (46′ Tuia), Foulon; Ionita, Schiattarella (75′ Tello), Dabo; R. Insigne (71′ Improta), Caprari; Lapadula (75′ Moncini).

Arbitro: Juan Luca Sacchi

 

Più informazioni su

Commenti

Translate »