Sant’Agnello. Housing Sociale 53 famiglie senza soldi e senza casa

Oggi sabato 7 novembre , giorno di assemblea e di protesta delle 53 famiglie dell’Housing Sociale sui luoghi sequestrati. Ribadire continuamente e costantemente lo stato delle cose, fino a quando qualcuno delle autorità preposte prenda in considerazione seriamente il grosso problema. Questa la strategia e la tecnica che con grande civiltà stanno portando avanti da ben 3 lunghi anni, riassumendo in un chiaro volantino i punti salienti delle tappe percorse. L’attenzione di oggi è focalizzata sulla CHIUSURA DELLE INDAGINI, in quanto con esse , sembra intravedere la soluzione del problema , restituendo ai legittimi proprietari gli appartamenti.  Le forze dell’ordine come polizia municipale e polizia stradale sorvegliano a distanza la corretta manifestazione. Positanonews dalla prima ora supporta questi cittadini, dando voce alle loro motivazioni, mai come in questo momento di disagio e sconforto nella gravissima crisi economica scatenata dall’emergenza sanitaria per corona virus.Il volantino distribuito si chiude con un grido: NON POSSIAMO PIù ASPETTARE. E siamo d’accordo, cosa si aspetta che l’esasperazione sociale giunga a momenti di tensione, sia individuali che sociali! La grande civiltà di queste persone, la pazienza infinita, mantiene la situazione in una ragionevole calma, ma questo stato potrebbe degenerare se non c’è nessuno che ascolta e agisce.

Generico novembre 2020

Generico novembre 2020

Commenti

Translate »