“Preferisco il Paradiso” su Rai Uno il film su Filippo Neri interpretato da Gigi Proietti

Più informazioni su

    “Preferisco il Paradiso” su Rai Uno il film su Filippo Neri interpretato da Gigi Proietti Continuano gli omaggi televisivi, soprattutto della Rai, a Gigi Proietti, scomparso il 2 novembre. Per celebrare l’arte del grande attore martedì 3 novembre alle 21.25 Rai1 trasmette il film tv Preferisco il Paradiso, fiction Rai del 2010 dedicata alla figura di San Filippo Neri, il presbitero proclamato santo nel 1622, magistralmente interpretato da Gigi Proietti diretto da Giacomo Campiotti.

    Preferisco il Paradiso, trama
    Gigi Proietti è San Filippo Neri, uno dei santi più bizzarri della storia della Chiesa. Il santo della gioia, il giullare di Dio, il secondo apostolo di Roma, Pippo il buono, sono solo alcune delle definizioni di questo sacerdote. Uno spirito libero ed indipendente, un prete libero che con la stessa dedizione e gratuità ha confessato i ricchi ed i pezzenti, convinto che l’approccio migliore al Vangelo sia lo stupore dei bambini.

    Preferisco il Paradiso, cast
    Gigi Proietti: San Filippo Neri
    Francesco Salvi: Persiano Rosa
    Roberto Citran: Cardinal Capurso
    Sebastiano Lo Monaco: Principe Nerano
    Francesca Chillemi: Ippolita
    Preferisco il Paradiso, curiosità
    La fiction presenta alcune differenze dalla realtà che si discostano enormemente dalla storia di Filippo Neri, prima fra tutte il fatto che Filippo Neri arriva a Roma in età matura ed è prete, quando poi arrivò diciannovenne e studiava per diventare prete e di conseguenza, il tempo della vicenda è di 15 anni o poco più. Inoltre Galeotto Caccia si incontrò con Filippo alla dogana pontificia, nella fiction, invece, l’incontro avviene in seguito ad un’aggressione da parte di bambini capeggiati dall’esattore Alessandro, inoltre Galeotto aveva due figli maschi e non una figlia femmina e entrambi divennero preti, cosa non mostrata nella fiction, inoltre il figlio Michele non era balbuziente.

    Mancano nella storia testimonianze che dimostrano che Filippo abbia ricevuto richiami dai papi per il suo intento di rivoluzionare la Chiesa. Non c’è traccia neanche della storia di Camillo. Diversamente dalla fiction, il papa decise di nominare Filippo cardinale perché, seguendo i suoi consigli si era riconciliato con Enrico IV di Francia e la frase che pronunciò in quel momento, «Preferisco il paradiso» non fu oggetto di uno di quei canti da lui inventati.

    Più informazioni su

      Commenti

      Translate »