E’ ufficiale: Campania zona arancione. Ecco le regole. AGGIORNAMENTI LA CAMPANIA E’ ZONA GIALLA

Più informazioni su

E’ ufficiale. La Campania è zona arancione Covid nel nuovo Dpcm di novembre.  Significa che la Campania è stata considerata di seconda area, cioè una di quelle zone in cui il livello del contagio è medio-alto, condizione che potrà tuttavia essere rivalutata non prima di 15 giorni dal ministero della Salute coi tecnici del Cts e con la Regione.

Il Dpcm Conte entra in vigore giovedì 5 novembre e fino al 3 dicembre e prevede una serie di restrizioni che saranno applicate tenendo anche conto delle ordinanze della Regione, più restrittive in alcuni casi.

Quali sono le novità? È vietato lo spostamento tra i Comuni nelle aree arancioni. I  ristoranti sono chiusi tutto il giorno. Per le scuole lo scenario per area Arancione prevede Dad (didattica a distanza) solo per le superiori e lezioni in presenza fino alla terza media ma in Campania le scuole sono già tutte chiuse tranne il primo anno di Università.

Aperti i servizi essenziali, farmacie e supermercati (ma anche edicole e tabaccai). Vietati spostamenti da e per le regioni ad alto rischio, in area ‘rossa’, ma anche in quelle che rientrano nella cosiddetta zona ‘arancione’. Coprifuoco alle ore 22 fino alle 5, ad oggi stando all’ordinanza regionale era dalle ore 23 .

Zona Arancione in Campania: le regole

coprifuoco dalle 22 alle 5, salvo per spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute;
vietato lo spostamento tra i Comuni nelle aree arancioni;
vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dalle Regioni, salvo che per spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute;
bar, ristoranti, locali, pub, gelaterie e pasticcerie chiusi sempre, ma potranno continuare a vendere cibo da asporto (fino alle 22) o consegnarlo a domicilio;
centri commerciali chiusi nei giorni festivi e pre-festivi, ma rimarranno aperti negozi alimentari, farmacie, parafarmacie ed edicole collocati al loro interno;
negozi chiusi, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità, sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali
mercati chiusi, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari;
didattica a distanza al 100% per tutti gli studenti delle scuole secondarie;
capienza dei mezzi pubblici dimezzata (al 50%);
musei e mostre chiusi;
corner per giochi e bingo in bar e tabaccherie chiusi.

Tutti i giornali nazionali hanno dato questa notizia. Ma il Governo ci può riservare sorprese

Ufficiale zona arancione

AGGIORNAMENTI

Marcia indietro del Governo Conte anche per la Campania, dichiarata zona gialla

 

Più informazioni su

Commenti

Translate »