Conservare, comunicare e cooperare. Queste le parole chiave per il futuro dell’archeologia

Conservare, comunicare e cooperare oltre i confini. Un colloquio online sui monumenti, la principale fiera europea per la conservazione, il restauro e il restauro di vecchi edifici
La conferenza del 5-6. Novembre 2020 alla Fiera dei Monumenti di Lipsia discute della protezione sostenibile dei siti archeologici del patrimonio mondiale in Europa. Il numero di siti archeologici di epoca preistorica con un titolo di patrimonio mondiale è di 63 in tutto il mondo. Attualmente ci sono 46 siti del patrimonio mondiale dell’UNESCO sul territorio della Repubblica federale di Germania, cinque dei quali sono transnazionali e quattro sono siti archeologici del patrimonio mondiale.

In tutta Europa e oltre, il patrimonio archeologico è minacciato, ad esempio, dal cambiamento climatico, dalla guerra, dall’espansione urbana incontrollata o dal turismo. È quindi importante sondare le debolezze nell’organizzazione e nell’attuazione della cooperazione internazionale e interregionale a livello europeo e discutere le modalità per migliorarla nella pratica.

In occasione del semestre di presidenza della Repubblica Federale di Germania al Consiglio dell’Unione Europea (luglio – dicembre 2020), la conferenza prevista affronterà i siti archeologici del patrimonio mondiale in Europa, la cui protezione e conservazione può essere garantita solo congiuntamente dagli Stati europei e dai loro vicini.
Attualmente ci sono 46 siti del patrimonio mondiale dell’UNESCO sul territorio della Repubblica federale di Germania, inclusi 43 siti del patrimonio culturale mondiale e tre siti del patrimonio naturale. Otto di questi siti del patrimonio mondiale sono transfrontalieri e transnazionali. Quasi nessun altro Stato firmatario della Convenzione del patrimonio mondiale dell’UNESCO ha una percentuale così elevata di siti del patrimonio mondiale multinazionali o transfrontalieri come la Germania. In particolare, tra i siti del patrimonio culturale della Repubblica Federale Tedesca iscritti nella lista UNESCO nell’ultimo decennio, ci sono alcuni siti archeologici del patrimonio mondiale che accentuano il profilo del patrimonio mondiale della Repubblica Federale, come il Limes (2005), le palafitte nella regione alpina (2011), le grotte e l’arte dell’era glaciale sul Giura Svevo (2017) o il complesso archeologico di confine Haithabu e Danewerk (2018).

Il patrimonio archeologico mondiale è soggetto a continue minacce di varia natura, ad esempio dai cambiamenti climatici e dai disastri naturali, dalla guerra e dalla guerra civile, ma anche dai progetti infrastrutturali e dall’espansione urbana incontrollata nonché dalla crescente turistizzazione dei siti e delle aree archeologiche. La protezione sostenibile del patrimonio culturale è possibile solo attraverso la cooperazione internazionale tra esperti e istituzioni specializzate. È quindi importante sondare le debolezze nell’organizzazione e nell’attuazione della cooperazione internazionale e interregionale a livello europeo e discutere le modalità per migliorarla nella pratica.

Il programma della conferenza previsto è costituito dalle seguenti sezioni:
apertura
Strategie per la registrazione e la conservazione del patrimonio archeologico mondiale attuale e potenziale
Reti, visioni, collaborazioni – opportunità di scambio internazionale professionale in caso di problemi nel patrimonio archeologico mondiale (tavola rotonda)
Conservazione e mediazione: tutela e gestione dei siti archeologici del patrimonio mondiale
Integrità minacciata: patrimonio archeologico mondiale in pericolo
Amato a morte: l’autenticità minacciata tra turismo eccessivo, conservazione e ricostruzione
Finanziato dal Commissario del governo federale per la cultura e i media.
Co-organizzatore: Istituto archeologico tedesco, Associazione tedesca degli archeologi
Partner di cooperazione: ICAHM, Association of State Archaeologists in the Federal Republic of Germany

Nota: a causa dell’annullamento della fiera commerciale Denkmal di Lipsia a causa della pandemia, la conferenza si svolgerà ora solo online il 5/6. Novembre. La partecipazione alla conferenza è gratuita. Si prega di registrarsi a icomos@icomos.de per accedere alla conferenza online.
Puoi trovare il programma leggermente adattato qui.

Generico novembre 2020

Commenti

Translate »