Campania zona arancione, ma De Luca vuole di più. Insiste per la rossa

Campania zona arancione, ma De Luca vuole di più. Insiste per la rossaNella divisione del Covid all’italiana col semaforo verde, arancione e rosso la Campania non sa ancora se essere un colore primario o derivato. La Campania è rossa o è arancione? Si propende per quest’ultima ma le cose possono cambiare come è già successo svariate volte in queste ore. Nel nuovo Dpcm di novembre firmato dal premier Conte in nottata, sono fissati i provvedimenti per le varie zone a seconda della gravità della pandemia. Ma prima di applicare restrizioni va stabilito hic et nunc lo stato di salute dei singoli territori. Per questo ci sono  le linee guida di riferimento per stabilire il livello di criticità in termini di focolai, contagi, occupazione posti letto (i fattori da prendere in considerazione sono 21). Ed è su questo il vero nodo che sarà però sciolto a breve.  Di certo c’è che il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca avrebbe voluto per la Campania la zona rossa e comunque l’applicazione di norme nazionali non modulate territorialmente. Di certo c’è che il sindaco di Napoli Luigi De Magistris paventando la zona rossa parla di cose di cui non ha certezza alcuna.

Che significa area arancione? Chiusura ristoranti, spostamenti limitati fra Comuni, chiusura di molte altre attività, blocco spostamenti fra regioni. L’area rossa ha invece altre limitazioni che assomigliano ad un lockdown (senza esserlo) prevedendo anche il blocco anche degli spostamenti in città se non verso la propria residenza e se non adeguatamente motivati.

Nella notte le riunioni si sono susseguite a Roma tra ministri, comitato tecnico-scientifico così come con le Regioni (in video-call). Il Dpcm, dicevamo, è un quadro normativo, ma poi serve la lista delle regioni con le loro posizioni nel semaforo: rossa, arancione o verde?

La Campania secondo gli ultimi dati a disposizione dell’Istituto superiore di Sanità sarebbe in rischio moderato ma non alto, dunque arancione. Tuttavia, gli stessi dati dell’Iss – come già scritto da Fanpage.it – lamentavano una carenza di dati aggiornati per tracciare un quadro. Ad esempio: le terapie intensive ci sono o non ci sono? Si parla di una saturazione al 40% dei posti letto, ben oltre la soglia critica del 30. E ancora: il flusso dei contagi è calato dopo coprifuoco e mascherine obbligatorie? Quanti focolai attivi ci sono e dove? Quanti morti al giorno? Quanti tamponi il sistema-Campania ha la capacità di processare ogni giorno? Se prendiamo in esame tutti questi dati la Campania già oggi appare in un contesto di criticità severa. Quindi per ora oscilliamo tra un colore e l’altro, del resto lo stesso Dpcm Comte prevede una rivalutazione della collocazione delle regioni nelle fasce.

continua su: https://www.fanpage.it/napoli/nuovo-dpcm-campania-zona-arancione-rossa/
https://www.fanpage.it/

Commenti

Translate »