Campania. Rimane divieto spostamento fra province, da Agerola no al Sentiero degli Dei e da Positano non si va in Penisola

Campania. Rimane divieto spostamento fra province, da Agerola no al Sentiero degli Dei e da Positano non si va in Penisola Sorrentina. Per chiarire le tante domande che arrivano in redazione a Positanonews. Non si può quindi andare, per quanto ci riguarda, dalla provincia di Salerno a quella di Napoli, e viceversa. Quindi da Positano in Costiera amalfitana a Piano di Sorrento  e da Agerola ad Amalfi o Praiano e Positano,  ma, ovviamente, anche Furore e Conca dei Marini, e viceversa, per parlare delle aree che riguardano il nostro giornale e dalle quali ci arrivano continue richieste di tutti i tipi ( stamattina anche di un cacciatore di Vico Equense che voleva andare nel Cilento o altre zone limitrofe, sic!) . Ovviamente per Positano in particolare impedire di andare in provincia di Napoli significa condannare il paese di fatto al lockdown come abbiamo spiegato più volte . Ci vorranno motivi specifici per potersi muovere.

Ma parliamo con i documenti

ordinanza-n-89-del-5-novembre-2020 Regione Campania

Si fa presto a dire Dpcm. L’insieme di regole per capire cosa si può fare e come è contenuto nelle 24 pagine del Decreto della presidenza del consiglio firmato il 3 novembre, nelle 325 pagine complessive dei 25 allegati nonché nelle ordinanze regionali – in Campania è arrivata la numero 89 – e nelle eventuali ordinanze comunali. Ecco per i cittadini campani che non vivono in comuni dichiarati zona rossa (Orta di Atella e Marcianise) cosa è consentito e cosa è vietato, in ordine alfabetico, considerando che l’ordinanza 89 proroga fino al 14 novembre gli effetti di quelle precedenti. Con un’avvertenza: più che Dpcm e ordinanze contano i comportamenti che devono essere prudentissimi.

 

ALBERGHI
Le strutture ricettive restano aperte nel rispetto delle norme di sicurezza. È anche consentita l’attività di ristorazione senza limiti di orario ma per i soli clienti pernottanti.

ASILI
Nidi e scuole dell’infanzia in Italia sono regolarmente aperti mentre in Campania sono chiusi fino al 14 novembre. L’obbligo della mascherina non vale al di sotto dei sei anni.

ASPORTO/A DOMICILIO
L’acquisto di cibo da asporto è consentito fino alle 22. Per la consegna di alimenti a domicilio non c’è più un limite di orario.

AUTOBUS
La capienza massima consentita per bus, tram, metro, funicolari e treni locali è del 50%.

AUTOSTRADE
Restano aperti senza limiti di orario gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande delle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, così come negli ospedali e negli aeroporti.

BAR
Sono aperti dalla mattina fino alle 18. Per il servizio ai tavolini vale il limite di quattro persone.

CENTRI COMMERCIALI
Il sabato e nei giorni festivi sono aperti solo per alimentari, tabacchi, edicole, farmacie e parafarmacie.

CERIMONIE
Sono vietate, come tutte le altre feste. Così come sono proibiti convegni, conferenze, congressi, spettacoli.

CONCORSI
È sospeso lo svolgimento delle prove preselettive e scritte delle procedure concorsuali pubbliche e private e di quelle di abilitazione all’esercizio delle professioni, a esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati sia effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica, nonché a esclusione dei concorsi per il personale del servizio sanitario nazionale.

COPRIFUOCO
Scatta alle 22 e dura fino alle 5 del mattino. Sono consentiti gli spostamenti con autocertificazione per lavoro, salute, studio e necessità. La multa minima per chi trasgredisce è di 400 euro.

JOGGING
In Campania la corsetta sportiva è consentita nei luoghi isolati mentre nelle aree frequentate, come lungomare e parchi, è possibile esclusivamente dalle 6 alle 8:30.

MANIFESTAZIONI
Vietati i cortei. Lo svolgimento delle manifestazioni pubbliche è consentito soltanto in forma statica e nel rispetto della distanza tra le persone.

MESSE
Sono consentite nel rispetto dei protocolli di sicurezza allegati al Dpcm (da 1 a 7, a seconda della confessione religiosa). Per i riti cattolici non è previsto lo scambio del segno di pace ed è vietato il coro.

MUSEI
Sono chiusi.

PALESTRE E PISCINE
L’attività è sospesa.

PARRUCCHIERI
Sono aperti su prenotazione, così come i barbieri e i centri estetici.

PASSEGGIATE
Sono consentite dalle 5 alle 22 evitando gli assembramenti. Sono vietate in base a ordinanze comunali nei centri storici e sui lungomare. Il sindaco dei Salerno ha immediatamente accolto l’invito alla chiusura arrivato ieri mattina dal presidente della Regione. A Pozzuoli sono vietate da domani 7 a lunedì 16 novembre la passeggiata del lungomare Pertini, quella sul tratto pedonale che circonda il lago d’Averno, la darsena (limitatamente al perimetro dello specchio d’acqua) e la villetta di Lucrino adiacente alla piscina comunale.

RISTORANTI
Sono aperti fino alle 18 con un massimo di quattro persone per tavolo. Dopo funzionano con servizio di asporto (ma è vietato consumare in strada) o di consegna a domicilio.

SCI
Gli impianti al momento sono chiusi ma potranno essere aperti appena la Conferenza delle Regioni avrà stabilito le linee guida per evitare assembramenti.

SCOMMESSE
Sono sospese le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò, anche se svolte all’interno di locali, come i bar, adibiti ad attività differente.

SCUOLE
Nelle regioni in zona gialla elementari e medie sono in presenza e le superiori seguono la didattica a distanza ma in Campania sono tutte con didattica a distanza.

SECONDE CASE
Possono essere raggiunte quelle in Abruzzo, Basilicata, Lazio, Molise; non quelle in Calabria, Puglia e in province della Campania diverse dalla propria.

SPORT
Semaforo rosso per l’attività sportiva dilettantistica di base, le scuole e l’attività formativa di avviamento relative agli sport di contatto nonché tutte le gare dilettantistiche, le competizioni e le attività connesse ai cosiddetti sport di contatto.

SPOSTAMENTI
Sono sempre sconsigliati, anche all’interno dello stesso comune. Sono vietati quelli tra province delle Campania ma è consentito spostarsi fuori della Campania verso una regione gialla e cioè verso Lazio, Molise e Basilicata e tutte le regioni a Nord del Lazio eccetto Valle d’Aosta, Piemonte e Lombardia.

UNIVERSITÀ
Possono svolgersi in presenza le sole attività formative e curricolari degli insegnamenti relativi al primo anno dei corsi di studio nonché quelle dei laboratori.

Commenti

Translate »