Calcio, il Var arriva in serie B ma Nicchi frena: “non è il momento giusto”

Finalmente il Var arriva anche in Serie B! La delibera è stata presa nel corso dell’assemblea dei club del torneo cadetto, svoltasi in teleconferenza. “Sono state approvate le modifiche contrattuali con Hawk Eye, Technology provider per la Lega Serie B, si legge in una nota diffusa dalla lega di B, e contestualmente deliberato l’utilizzo del Var in Serie B fin dall’inizio del girone di ritorno dell’attuale stagione”. Il presidente di lega Mauro Balata si è cos’ espresso: “E’ una decisione epocale che rende il nostro campionato ancora più moderno e in linea con le esigenze dei tifosi e dei nostri partner. Ringrazio i club e i miei collaboratori per il lavoro e l’impegno di questi mesi che ha superato anche gli ostacoli provocati dalla terribile pandemia a cui siamo soggetti”. L’Assemblea della Serie B ha anche deciso di chiedere al Consiglio della Figc “la ratifica della sospensione temporanea del campionato Primavera 2, già disposta dalla Lega B in data odierna, dopo le numerose gare rinviate, per garantire la salute dei giovani atleti ed evitare le problematiche logistiche”. Non molto d’accordo sembra essere Marcello Nicchi, presidente dell’Aia che ha tuonato: “A oggi non esiste. Io non ho parlato con il presidente Balata e credo che quantomeno dovremmo essere consultati, visto che chi opera la Var sono gli arbitri. Non solo, il presidente federale Gabriele Gravina mi ha confermato di non essere al corrente della cosa ed è la Federazione a dover approvare una decisione di tale importanza”. Non è il momento giusto secondo Nicchi perché: “In un momento così delicato per il Paese, con una pandemia che ha ripreso forza e con dei provvedimenti molto seri appena presi dal governo, è impossibile annunciare l’introduzione della Var che prevede tra l’altro un percorso di formazione specifico. Figuriamoci se non sarei felice di poter introdurre la tecnologia, ma a ora non ci sono le condizioni. Anzi, non darò alcun dettaglio ulteriore per la privacy, ma abbiamo alcuni tra i nostri arbitri in quarantena e quindi in questo momento la priorità è riuscire, tra tutte le difficoltà, a portare a compimento gli impegni previsti”.

Commenti

Translate »