Black Friday 2020, meglio il Green Friday. Proteggiamo la natura e i piccoli commercianti

Più informazioni su

    Black Friday 2020, meglio il Green Friday .Il Black Friday non è la migliore delle giornate per l’ambiente, dal momento che l’aumento degli acquisti online comporta un impatto sulla natura di non poco conto, non solo pensate alle spese enormi di pubblicità, non credete che poi le fanno ricadere sui consumatori? Non solo distrugge i piccoli commercianti, che già sono in ginocchio per il coronavirus Covid- 19 , stravolgendo il tessuto sociale dei piccoli comuni . Per dire di no a questo tipo di shopping sfrenato è nato nel 2018 il Green Friday, un’alternativa sostenibile e amica dell’ambiente.

    A proporre l’iniziativa sostenibile è una rete di imprese eco-solidali, la Envie, che mira a contrastare lo shopping sfrenato del Black Friday preferendo aziende e negozi amici dell’ambiente. L’idea di base è quella di sensibilizzare le persone ad acquistare in modo ragionato, non in modo compulsivo, facendo anche attenzione alla provenienza e all’impatto che il prodotto ha sul mondo.
    Ma come funziona il Green Friday? Andiamo a scoprire tutti i dettagli di questa iniziativa che mira a far riflettere i consumatori.

    LEGGI ANCHE

    I francesi boicottano Amazon per Natale: acquisti nei negozi di quartiere per evitarne il fallimento

    I francesi boicottano Amazon per Natale: acquisti nei negozi di quartiere per evitarne il fallimento
    Green Friday: ecco come funziona l’iniziativa francese
    L’idea del Green Friday è quella di sensibilizzare le persone a non cadere nel vortice del consumismo sfrenato e per fare questo si cerca di raccogliere l’adesioni delle aziende. In questa giornata i negozi e le aziende aderenti si impegnano a rispettare tre condizioni ben precise:

    non proporre sconti o promozioni ai propri clienti nella giornata del venerdì nero;
    donare il 10% del fatturato della giornata ad un’associazione a propria scelta;
    cercare di promuovere un consumo responsabile e attento al pianeta.
    Il Green Friday pian piano sta ottenendo consensi non solo in Francia, ma anche in Italia dove alcune aziende hanno deciso di aderire a questa proposta. Una delle più grandi realtà che ha decretato di rendere green il Black Friday è Ikea che punta sul suo programma di Buy Back. Per il periodo dal 27 novembre al 6 dicembre per i soci dell’Ikea Family è prevista una supervalutazione dei mobili usati che potranno essere riportati in negozio e successivamente rigenerati e rivenduti dallo store.

    In questa giornata non sarà però solo Ikea a proporre una soluzione green al classico Black Friday, dal momento che molti negozi e piccole attività virtuose cercheranno di sensibilizzare i propri clienti ad uno shopping più consapevole. Il Black Friday ha infatti un impatto fortissimo sul pianeta, non solo per l’incremento della produzione di C02, ma anche per il modo di acquistare in maniera sfrenata. Imballaggi, incremento della produzione, aumento esponenziale delle spedizioni su gomma sono tutti elementi che portano danni ingenti al pianeta, un giorno di shopping sfrenato ha conseguenze disastrose all’ecosistema e alla natura.

    Questo però non vuol dire che non è possibile fare shopping o effettuare acquisti, ma semplicemente che è bene farlo in modo responsabile. Ad esempio acquistando capi di seconda mano, preferendo acquisti online solo su siti che sia ecosostenibili, scegliendo prodotti che facciano bene non solo al proprio portafogli, ma anche all’ambiente.
    Comprare in negozi dell’usato, fare attenzione alla provenienza del prodotto, riflettere se davvero il nostro sia un acquisto idoneo e di cui non si possa fare a meno, sono dei piccoli modi per riuscire a fare del bene al pianeta. Dire di no al Black Friday è un primo grande passo per ridurre la propria impronta sulla terra.

    Acquisti sfrenati e prodotti che spesso nemmeno ci sono necessari: da un po’ di anni a questa parte la mania del Black Friday, d’origine statunitense, ha catturato anche il Vecchio Continente. Ma da più parti si solleva un monito: sicuri che non si può fare qualcosa per salvare i piccoli commercianti etici e dare alle compere online la giusta misura?

    Certo che sì e lo dice a gran voce ormai da qualche anno una rete di imprese eco-solidali, la Envie, che in Francia ha dato vita al ben più sostenibile Green Friday, l’alternativa che preferisce il verde al nero. E le sue caratteristiche sono facilmente intuibili.

    (Come il Black Friday ‘ammazza’ i piccoli commercianti etici e come boicottarlo per un ‘Green Friday’)

    L’idea raccoglie l’adesione di sempre più aziende che vogliono sensibilizzare i consumatori sull’importanza di acquistare in maniera consapevole, senza diventare vittime del consumismo e boicottando di fatto il Black Friday.

    Per farne parte sono necessarie tre condizioni:

    • astenersi da qualsiasi promozione di venerdì
    • donare il 10% del fatturato del giorno a un’associazione
    • promuovere un consumo responsabile

    Il Green Friday in Italia

    Dalla Francia il Green Friday ha preso piede anche in Italia e sono diverse le iniziative.

    Tra queste, Babaco Market – il primo delivery di frutta e verdura anti-spreco in Italia – ha scelto di prendere le distanze dai meccanismi di svendita e saldi del BlackFriday per concentrarsi sulla valorizzazione dei prodotti “brutti ma buoni” che offre e di chi lavora nei campi per renderli disponibili, contribuendo così a favorire il proliferarsi di un ciclo virtuoso di economia circolare che aiuta i piccoli produttori a sopravvivere e permette al consumatore finale di contrapporre una scelta etica ed ecologica alle logiche di acquisto più consumistiche.

    Babaco Market infatti propone in abbonamento delle box di frutta e verdura anti-spreco composte da prodotti di qualità che, per forma o dimensione non conforme agli standard di altri canali di distribuzione, verrebbero altrimenti sprecati.

    Il WWF dal canto suo ha lanciato la nuova campagna “A Natale mettici il cuore” e “offre sconti” per l’adozione di una delle specie simbolo che rischiamo di perdere per sempre.

    Anche Ikea ha deciso di dare una svolta green (o quasi) al suo giro di affari e di riacquistare i mobili di sua produzione già usati dai clienti. In cambio offrirà dei buoni spesa. L’iniziativa sarà attiva da domani in Italia e fino al 6 dicembre:

    I vecchi mobili IKEA? Portali in negozio per avere fino alla metà del prezzo in buoni spesa

    Non mancheranno poi tutte le bottegucce indipendenti o i negozi che hanno deciso di incentivare acquisti online direttamente dal loro portale. Ricordate l’iniziativa #TorniamoPresto, la piattaforma nata per aiutare i tanti negozi, ristoranti, hotel e le tantissime altre attività che stanno soffrendo? Ebbene, proprio per il Black Friday nel sito viene lanciata l’idea del Local Friday per sensibilizzare ad acquistare le gift card di sole attività locali.
    QUI potete acquistare la gift card locale.

    AWorld, l’App dell’ONU per un consumo consapevole

    AWorld, l’App che guida gli utenti verso uno stile di vita più sostenibile, aderisce al Green Friday e si affianca alle aziende che promuovono uno stile di consumo consapevole soprattutto per aiutare le piccole realtà locali, supportandole in un momento molto difficile per l’economia mondiale.

    L’App infatti suggerisce tre buone pratiche per accompagnare gli utenti lungo questo percorso:

    • compra prodotti locali: acquistare prodotti (alimentari e non) a km 0 riduce l’impatto sul clima e abbassa il carbonio emesso per consegne e trasporti. Acquistando alimenti a produzione locale, ad esempio, è possibile risparmiare circa 1,44 kg di CO2 ogni volta;
    • mangia un pasto vegetariano: gli alimenti a base vegetale producono meno emissioni di gas serra e utilizzano meno energia, terra e acqua, anche questo è consumo consapevole. Sostituendo un pasto di carne con un pasto vegetariano, è possibile risparmiare 1,46kg  di emissioni di CO2 e oltre 1.000 litri di acqua al giorno;
    • acquista in modo consapevole: essere alla moda non significa sprecare. Comprare meno vestiti, fare acquisti di seconda mano, riparare i propri abiti e riciclare aiuta a risparmiare acqua e a ridurre gli sprechi. Una tonnellata di vestiti nuovi produce 22,31 tonnellate di CO2, mentre il riutilizzo di indumenti corrisponde a 0,152 tonnellate di CO2 (considerando solo il trasporto). Una t-shirt  di cotone da 110 grammi equivale a circa 1.250 litri di acqua consumati.

    Più informazioni su

      Commenti

      Translate »