Alla ricerca della bellezza perduta

Più informazioni su

Siamo a Erchie, il magico Borgo nel Comune di Maiori.

Fino agli anni sessanta, per scendere dalla parte alta del Paese alla spiaggia, si poteva usare un sentiero che correva lungo il torrente S. Nicola. Percorrere questo sentiero era come immergersi per qualche minuto nel silenzio e nella bellezza della natura selvaggia: piccole cascate, pozze d’acqua ricche di vita, muschi, vegetazione quasi tropicale sotto alti pergolati di vite. Un percorso veramente affascinante specialmente per i ragazzini che vi andavano anche per giocare, cercare anguille e girini.

Alcune piene del torrente hanno poi, negli anni, cancellato il sentiero sommergendolo con sedimenti alluvionali. Ripulire il greto del torrente dai detriti? Non se ne parla nemmeno! Grazie all’incuria della gente e dell’amministrazione comunale la natura ha fatto il suo corso: lo stretto canalone in cui scorre il torrente è stato invaso da una fitta vegetazione infestante rendendolo completamente inaccessibile.

Perché questo lungo preambolo? Perché sembra che qualcosa si stia muovendo a Erchie: un gruppo di abitanti si è autonominato “Custodi della Bellezza” e come prima iniziativa ha deciso di ripristinare lo storico sentiero. Oggi, per la prima volta dopo vari decenni, una decina di volenterosi si è aperto un varco nella “selva oscura” per fare un primo sopralluogo.

Nel frattempo questo gruppo di cittadini erchietani vuol darsi una forma giuridica strutturandosi come Associazione No-Profit. La “Missione” di questa Associazione per Erchie dovrebbe essere quella di preservare e, ove possibile, accrescere la bellezza paesaggistica di Erchie, promuovere il miglioramento della qualità della vita degli abitanti di Erchie ed, infine, affinare e ottimizzare la qualità dell’offerta turistica sviluppando occupazione e benessere nel rispetto dell’ambiente, della sicurezza, dell’igiene e del paesaggio.

Buona fortuna amici.

Generico ottobre 2020
Generico ottobre 2020

Più informazioni su

Commenti

Translate »