A Positano anche una panchina rossa a memoria delle donne che non ci sono più foto

Più informazioni su

Positano. Come già detto a più riprese da Positanonews, oggi la perla della Costiera amalfitana ha voluto dedicare particolare attenzione al tema della violenza sulle donne. Oltre all’installazione di 14 manichini anche una panchina rossa a memoria delle donne che non ci sono più. Riportiamo le parole del sindaco Giuseppe Guida.

Positano, 25 novembre 2020, giornata contro la violenza sulle donne

Parte da Positano un messaggio contro la violenza, in particolare oggi in occasione della giornata contro la violenza sulle donne. In piazza dei Mulini, nel fulcro del paese, l’Amministrazione comunale vuole inviare un preciso messaggio per questa giornata, facendo confluire nei significati di questa ricorrenza anche le sofferenze che tutta la popolazione mondiale sta vivendo a causa della pandemia in atto.

Positano, 25 novembre 2020, giornata contro la violenza sulle donne

14 manichini femminili, che di sera verranno illuminati di colore arancione: il colore simbolo contro la violenza sulle donne.

Quest’installazione ha un significato ambivalente: i manichini sono senza braccia, perché si vuol indicare il distanziamento impostoci dal Covid, quindi l’impossibilità di abbracciarsi, e la violenza che le donne subiscono, senza spesso poterlo pronunciare. Da qui si richiamano i visi coperti dalla mascherina, oggi simbolo di protezione contro il contagio, ma anche bavaglio che rende impossibile la richiesta di aiuto da parte della vittima.

Positano, 25 novembre 2020, giornata contro la violenza sulle donne

Inoltre nell’installazione sono presenti due manichini che si abbracciano a testimoniare che l’amore, quello vero, quello genuino, trionfa sempre; ci sono anche due mani strette, e legate con una corda, a sottolineare l’impossibilità del gesto più comune e naturale, ovvero la stretta di mano e il calore che inevitabilmente viene a mancare. Abbiamo voluto poi dipingere di rosso una panchina, a memoria di tutte le donne che non ci sono più, per ricordarci ogni giorno che la violenza sulle donne non è un problema degli altri, è un problema di civiltà!

Più informazioni su

Commenti

Translate »