10th International Round Table on Polychromy in Ancient Sculpture and Architecture

10a Tavola Rotonda Internazionale sulla Policromia nella Scultura e nell’Architettura Antica
11-13 novembre 2020, Berlino, James-Simon-Gallery, Museumsinsel
Staatliche Museen zu Berlin – Antikensammlung & German Archaeological Institute Berlin

Generico novembre 2020

La “casa pompeiana” del principe Napoleone Bonaparte durante uno spettacolo teatrale, pittura a olio, Gustave Boulanger, 1861 (Parigi, Musée d’Orsay)
– Call for Papers –
L’indagine sulla policromia antica ha visto progressi considerevoli dalla prima policromia Tavola rotonda al Ny Carlsberg Glyptotek di Copenaghen nel 2009. All’epoca l’attenzione era principalmente concentrata sull’osservazione delle tracce di colore  principalmente sulla scultura), l’istituzione di analisi e protocolli metodologici per la loro analisi, nonché il famigerato problema della ricostruzione del colore schemi da prove altamente frammentarie. Negli ultimi anni, però, il locale, insieme al campo della policromia, ha subito una significativa trasformazione. Set di dati sui reperti di colore, sebbene lontani dall’essere sufficiente, hanno raggiunto una quantità che consente affermazioni più qualificate sul colore schemi rivelando sempre più la varietà delle tecniche di rendering applicate e la loro elevata natura sofisticata. Nuovi studi scientifici hanno aperto la strada per fare confronti e analogie tra classi di monumenti. In contrasto con la tradizionale attenzione al rivestimento colorato di marmo, una recente ricerca considera anche una più ampia varietà di materiali e tecniche per ottenere il colore, o meglio, effetti di superficie, compresi metalli (bronzo, doratura), terracotta, marmi colorati, preziosi pietre, avorio o incrostazioni con vetro, conchiglie, ecc. In tutto questo, l’interfaccia tra scultura e l’architettura così come le interdipendenze sinestetiche tra i generi artistici stanno diventando sempre più apparente. In questo contesto, si può dire che il campo ora ha la possibilità di riprendere, con nuove strumenti empirici, alcune delle domande su colore e spazio, che piacciono agli studiosi del XIX secolo Gottfried Semper o Carl Bötticher hanno già discusso. Per la 10a Tavola Rotonda Polychromy il nostro suggerimento è di approfondire il tema “Colore e spazio”. Osservando l’uso del colore nei suoi contesti spaziali, speriamo di incoraggiare un’analisi interdisciplinare e interpretazione di dati sia nuovi che già pubblicati. Con il termine “colore” intendiamo non solo rivestimento di colore (vernice) ma anche i colori intrinseci dei materiali così come tutti gli effetti di superficie, che manipolare la percezione dello spazio e della forma (come lucidatura, texturing, doratura ecc.). “Spazio” può
si riferiscono a spazi architettonici interni chiusi oa facciate esterne nonché a spazi urbani e suoi comunicazione attraverso l’uso del colore. Può, tuttavia, essere inteso anche come tridimensionale forma della scultura e l’interazione della sua colorazione con lo spazio circostante e, del resto, con chi guarda. In breve, incoraggiamo indagini guidate dai dati e multi-prospettiva del dimensione spaziale della policromia sull’architettura e / o sulla scultura. Possibili argomenti da affrontare includere:
• La resa cromatica di entrambe le statue e le loro impostazioni spaziali (architettoniche)
• Colori e materiali come identificatori di funzioni spaziali e / o simbolismi (codifica a colori)
• Manipolazione della luce (artificiale e naturale) e impatto delle condizioni di luce su entrambi strategie tecniche e visive di affioramento
• Riflessioni, luci (es. Doratura) e loro percezione
• La manipolazione della forma attraverso il colore (es. Ombreggiatura, profondità, pittura illusoria, texture)
• Elementi di colore effimeri (tessuti, mobili, piante) e loro interazione con le superfici di architettura e / o scultura
• La nozione di colore e spazio nelle prove scritte e come parte della teoria
• Sfide metodologiche nella ricostruzione dell’impostazione spaziale dei colori
• La storia della ricerca sull’uso antico del colore in contesti spaziali.
Nella tradizione delle precedenti tavole rotonde, questa riunione dovrebbe anche continuare ad essere una piattaforma per
ultime ricerche e sviluppi nel campo. Pertanto, una sessione separata sarà dedicata a “Notizie dalla ricerca attuale”.

Dal 10-13 novembre 2020, organizzato  dal Deutsches Archäologisches Institut come Evento online
Interfacce di architettura e scultura antiche
10a tavola rotonda internazionale sulla policromia antica
Conferenza remota, 11-13 novembre 2020 (14.00-19.00 CET)
Ospitato dall’Istituto archeologico tedesco di Berlino e dall’Antikensammlung / Staatliche Museen zu Berlin
Registrazione
La partecipazione è possibile solo previa registrazione tramite email a 10thpolychromyroundtable@gmail.com.
Se la tua registrazione viene accettata riceverai un link Zoom. Si prega di notare che è possibile registrarsi e partecipare
in qualsiasi momento durante la riunione.
Ulteriori informazioni
Stanze di gruppo: questa funzione di Zoom consente di suddividere il pubblico in piccoli gruppi.
Useremo le Break Out Rooms durante le pause caffè per consentire la comunicazione tra i partecipanti.
L’attribuzione alle Break Out Rooms è casuale. Tuttavia, sarà anche possibile essere attribuito
in una stanza specifica con colleghi di tua scelta (verranno fornite istruzioni).
Contatto
10thpolychromyroundtable@gmail.com

Programma  https://www.10thpolychromyroundtable.com

Generico novembre 2020

Commenti

Translate »