Vico Equense, protesta all’ospedale. Sindaci in fuga dopo il corteo? Ecco la verità

Vico Equense, in seguito alla predisposizione della chiusura del pronto soccorso dell’ospedale “De Luca e Rossano” non sono mancate le rivolte, soprattutto da parte di cittadini e sindaco Andrea Buonocore. Si è tenuta ieri, venerdì 30 ottobre, nei pressi del nosocomio vicano, la protesta pacifica messa in atto dai residenti e dal sindaco Buonocore, alla quale hanno preso parte anche gli altri primi cittadini del territorio. I sindaci della penisola Sorrentina, infatti, hanno sfilato da Massa Lubrense a Vico Equense ieri mattina per dire no alla chiusura del pronto soccorso dell’ospedale. Sindaci e cittadini hanno raggiunto in corteo l’ospedale.

IL RETROSCENA

Successivamente i manifestanti si sono diretti verso il ponte di Seiano. Giunto al limite della galleria, il corteo ha svoltato in direzione della bretella che conduce verso il centro di Vico Equense. Traffico paralizzato per alcuni istanti e polemiche ancora in corso, ma ci sentiamo di chiarire la vicenda con questo retroscena: il corteo non era autorizzato, in base a quanto capito. Abbiamo visto la Polizia parlare con i manifestanti e con i sindaci ad evitare un probabile corteo che avrebbe bloccato il ponte di Seiano. Dunque i sindaci hanno sfilato in corteo per le strade della città, ma non era previsto spostarsi verso Seiano bloccando la circolazione. Non siamo soliti a difendere i sindaci, ma la verità è questa e abbiamo potuto constatarla poiché eravamo presenti anche noi di Positanonews a battagliare per questo ospedale.

 

Commenti

Translate »