Sorrento, Eduardo Fiorentino: “Corretto non chiudere scuole, ma si aumentino controlli”

Trovo corretta l’impostazione del nostro sindaco, Massimo Coppola: SCUOLE APERTE! – ha esordito così il neo consigliere al comune di Sorrento Eduardo Fiorentino.

Ieri, domenica 10 ottobre, si è tenuta la riunione dei sindaci della penisola sorrentina con l’obiettivo di trovare una linea comune sulla quale attivarsi per arginare il problema contagi che – anche se in gran parte asintomatici – sta spaventando i cittadini della costa di Sorrento. Inizialmente si pensava ad una chiusura delle scuole, che si è poi tramutata in controlli più rigidi, chiusura di attività sportive non agonistiche che si tengono in strutture di competenza comunale, gli accessi ai parchi giochi, ai parchi pubblici comunali nonché ai centri anziani e mercati rionali. Tutti i dettagli nell’articolo correlato.

I bambini, i loro docenti e tutto il personale scolastico si stanno attenendo scrupolosamente a regole e protocolli – ha aggiunto Fiorentino.

Al di là della valutazione sanitaria (che deve venire sempre al primo posto ma che, nella fattispecie, è risultata “debole” a giustificare uno stop), di fronte a questi sforzi encomiabili, un’ipotetica chiusura delle scuole avrebbe rappresentato un brutto segnale e una pessima testimonianza. Sono orgoglioso del mio primo cittadino per aver dimostrato coraggio e discernimento già nel primo giorno di operatività.

Ma occhi aperti a quello che accade fuori dalle scuole: c’è bisogno di responsabilità e di controlli, per garantire salute, lavoro e servizi.

Commenti

Translate »