Sommossa a Napoli contro il lockdown in Campania segui la diretta

Più informazioni su

Sommossa a Napoli contro il lockdown in Campania  Centinaia di persone si sono radunate in largo San Giovanni Maggiore, a Napoli, davanti alla sede dell’Università Orientale per protestare contro il coprifuoco e la prospettiva di lockdown. I manifestanti, autoconvocatisi sui social, hanno mostrato uno striscione con la scritta «Tu ci chiudi, tu ci paghi», attaccando il governatore campano De Luca e il governo Conte con cori di protesta. Sono anche stati accesi dei fumogeni. «A salute è a prima cosa ma senza soldi non si cantano messe», recita un altro grande striscione. I manifestanti stanno per partire in corteo per le vie del centro, ma i cortei sono attualmente vietati dall’ordinanza della Regione Campania.
Il corteo di diverse centinaia di persone, quasi tutti giovani, ha attraversato tutto il centro storico di Napoli fino alla sede della Regione Campania. I manifestanti hanno attraversato piazza Municipio e piazza Plebiscito scandendo cori contro De Luca. A Santa Lucia lo scontro con le forze dell’ordine schierate in assetto antisommossa che hanno provato a disperdere la folla lanciando lacrimogeni.

Protesta a Napoli

Più informazioni su

Commenti

Translate »