Sant’Agnello, lo stato delle RSA in provincia di Napoli: parla Antonio Coppola

Sant’Agnello. Lo stato delle RSA in provincia di Napoli , parla Antonio Coppola – commissario dell’Asl Napoli 3 – sentito da Positanonews.

Fin dall’inizio dell’ondata pandemica da Coronavirus, le RSA, e più in generale le strutture residenziale che ospitano soggetti fragili hanno rappresentato un terreno fertile per l attecchimento e la diffusione dell’infezione. Noi come ASL napoli 3 sud abbiamo recepito sin da subito le indicazioni della istituto superiore della Sanità e iniziata sin da subito una serratissima attività di monitoraggio praticando screening con test rapidi e/o tamponi molecolari nasofaringei che ci ha permesso di individuare e isolare tempestivamente soggetti o positivi all’interno delle strutture attenzionate, sia operatori che ospiti, evitando così che la rapida diffusione all’interno delle residenze avrebbe potuto, complice la fragilità degli ospiti, mietere molte vittime.
In queste ore stante la recrudescenza dei casi, abbiamo acceso i riflettori ancor di più su queste strutture. Al momento i dieci medici che compongono l unità speciale per il contenimento dell’infezione da Covid-19 nelle strutture residenziali da me diretta, sta conducendo in ottemperanza a quanto stabilito dall’unità di crisi della Regione Campania un controllo settimanale mediante tampone sulle rsa aziendali. Attività che ha già dato i suoi frutti facendo emergere casi di positivi asintomatici e quindi evitando sia diffusione di malattia che conseguenze potenzialmente gravi per la salute di ospiti e operatori.

Commenti

Translate »