Salerno, gli albergatori chiedono di non annullare le Luci di Artista ma di spostarle a marzo-aprile 2021

Salerno. Gli albergatori di otto strutture ricettive della città (Hotel Bruman, Albergo Fiorenza, Grand Hotel Salerno, Lloyds Baia Hotel, Mediterranea Hotel, Hotel Montestella, Hotel Plaza e Centro Congressi Polo Nautico) hanno inviato una lettera al sindaco di Salerno, al presidente della giunta regionale Vincenzo De Luca ed al presidente della Camera di Commercio Andrea Prete avente ad oggetto la manifestazione del periodo natalizio “Luci d’Artista” che quest’anno, a causa dell’emergenza sanitaria, è stata annullata. Gli albergatori propongono di non cancellare del tutto l’evento ma semplicemente di spostarlo in un altro periodo dell’anno. E’ quanto riportato da “Salerno Notizie” che pubblica anche il testo della lettera inviata dagli albergatori, che potete leggere di seguito:

«Gent.mo Sig. Sindaco, nelle ore in cui il Paese vive una delle fasi più drammatiche della sua Storia e le imprese avvertono sensazioni di scoramento e disorientamento, gli albergatori del comune di Salerno hanno inteso riunirsi per dare vita ad una aggregazione stabile che possa essere di supporto all’intera comunità cittadina e che ha assunto il nome di “Destino Salerno”. Avvertiamo, infatti, forte il senso di responsabilità di concorrere a costruire per le nostre aziende, per i nostri lavoratori e per tutti i cittadini salernitani un Destino di serenità e benessere.

Ci rivolgiamo, pertanto a Lei e alle autorità in indirizzo, con una lettera aperta a tutti i nostri concittadini, augurandoci che tale gesto possa sostenere le ragioni di una speranza per il futuro, superando inutili quanto improduttivi scontri e lacerazioni.

In primo luogo, desideriamo ringraziare la Sua e le Amministrazioni Comunali che si sono succedute nel tempo per avere ideato, realizzato e sostenuto l’evento Luci di Artista. Avvertiamo il dovere, ancor più oggi, di testimoniarne il valore enorme, ritenendo di avere in ciò titolo prioritario per la natura stessa delle nostre imprese, e affermarne l’utilità sia in termini diretti, per l’incremento del PIL cittadino, che indiretti, nell’accrescimento della notorietà internazionale di Salerno. Si tratta di un evento che, come ogni esperienza umana, può essere innovato e adeguato ai tempi, valorizzando magari i segmenti turistici di maggiore impatto economico, ma giammai può essere cancellato.

Nell’immediato, valutati l’attuale quadro epidemico e l’aggravamento di tutti i parametri sanitari, sottoponiamo alla Sua attenzione la proposta di tenere la prossima edizione di Luci di Artista nei mesi di Marzo/Aprile 2021, al fine di scongiurarne la abrogazione, a causa dei plurimi divieti esistenti alla mobilità regionale o interregionale, o la sua realizzazione in forma talmente ridotta da risultare priva di ogni attrattiva sovracomunale. In tal modo, sarebbe possibile motivare la domanda turistica interna in coincidenza di diverse festività religiose e civili, prima tra tutte la Pasqua, sopperendo alla presumibile assenza degli ospiti esteri che, in condizioni ordinarie, avrebbero visitato in quel periodo il nostro Paese.

Le richiediamo, inoltre, di utilizzare questo “tempo sospeso” per varare, d’intesa con le competenti Assise Comunali e gli Enti in indirizzo, nonché con il contributo delle Associazioni di rappresentanza imprenditoriale, un ampio ed ambizioso Progetto di valorizzazione del Turismo cittadino in chiave culturale, per il quale Le sottoponiamo alcune idee:

  1. la creazione di un evento Artisti in Luce, parallelo alla celebrazione delle Luci di Artista;
  2. la creazione di un festival nazionale di teatro/musical in lingua inglese aperto a tutte le scuole d’Italia, sfruttando la bellezza dei Teatri cittadini;
  3. la realizzazione di un nuovo sito museale nel centro storico, dedicato alla più fulgida esperienza culturale cittadina: la Scuola Medica Salernitana;
  4. l’utilizzo degli spazi del vecchio Tribunale per la nascita di un nuovo sito museale in grado di ospitare il Museo dello Sbarco e di vivere al suo interno le suggestioni che oggi, ad esempio, si vivono nel centro di Berlino con la narrazione delle vicende del Muro;
  5. la creazione di strumenti tecnologici che agevolino la fruizione dei beni culturali del centro storico, particolarmente apprezzato dai turisti stranieri.

Da parte nostra ci rendiamo disponibili a supportare la civica amministrazione in tale percorso e a garantire la nostra presenza alle Fiere nazionali ed internazionali per la promozione del turismo cittadino, alle quali ci auguriamo che, nel futuro, il Comune di Salerno voglia rinnovare la presenza. Siamo fiduciosi che un futuro più prospero e più sereno possa esistere. Le chiediamo di costruirlo insieme, proprio ora».

Commenti

Translate »