Piano di Sorrento. I bar dopo la “stretta” di De Luca. Il Marianiello “continuiamo eventi” , Cafiero “Alle 4 avevamo i clienti del Mercato”. Iaccarino potrebbe chiedere deroga

Piano di Sorrento ( Napoli ) . I bar dopo la “stretta” di De Luca. Il Marianiello “continuiamo eventi” , Cafiero “Alle 4 avevamo i clienti del Mercato”. Iaccarino potrebbe chiedere deroga. Positanonews ha sentito alcuni bar della Penisola sorrentina, sono quasi tutti danneggiati dall’ordinanza della Regione Campania firmata da De Luca, anche se per la sera sono più locali del by night di Castellammare di Stabia e Napoli ad avere danni. Dal Marianiello ci fanno saper che continuano gli eventi musicali “Cominceremo un’ora prima il giovedì – ci dicono dal Marianiello -, mentre venerdì e sabato la chiusura a mezzanotte comunque andiamo avanti rispettando le regole”. Insomma una scelta abbastanza incomprensibile, visto che i casi di coronavirus Covid-19 non sono sembrati venire dalla movida ultimamente, che ha creato ulteriori problemi a un’economia già in difficoltà. Caso a parte i bar di Piazza della Repubblica “Avevamo una bella clientela dalle 4 di mattina, ora siamo costretti ad aprire alle 6”, dicono al bar Cafiero. Un danno non solo per i bar, ma anche per i tanti che vanno al mercato carottese da tutta la Penisola sorrentina e costiera amalfitana, la mancanza di un bar significa anche mancanza di servizi. Il sindaco Vincenzo Iaccarino potrebbe chiedere una deroga, come ha fatto Peppe Tito a Meta. Sperando che nel frattempo De Luca cambi idea come ha fatto con i matrimoni.

Commenti

Translate »