Napoli bloccata dalla protesta dei bus e NCC

Più informazioni su

Napoli. Tutte le Associazioni di Categoria NCC e tutto il comparto del settore Noleggio Autobus con Conducente Bus proclamano lo stato di agitazione e scendono in piazza a protestare. “Le imprese sono allo stremo e non più controllabili, abbiamo bisogno di interventi mirati e concreti. L’industria del turismo è crollata e con se tutte quelle attività ad essa legate. Non possiamo più aspettare anche perché le istituzioni ci stanno solo prendendo in giro, soprattutto sulla possibilità di affiancamento al tpl , fiumi di soldi stanno arrivando alle aziende di trasporto pubblico ma nemmeno un euro utilizzato per l’utilizzo dei bus turistici in supporto alle linee esistenti . Non possiamo più frenare la disperazione di imprenditori che stanno vedendo le loro attività andare in fumo“.

protesta

L’effetto domino è alle porte il fallimento di queste aziende porterà inevitabilmente al default anche società finanziarie che hanno prestato i loro soldi per l’acquisto di bus e vetture con standard qualitativi e di sicurezza sempre più all’avanguardia, lo stesso accadrà per le aziende costruttrici e riparatori in genere, insomma un vero e proprio sterminio. Per evitare tutto ciò c’è bisogno di un sostegno economico importante ed una cristallizzazione delle scadenze fiscali , un anno bianco , che consenta a tutti di essere traghettati fuori dalla crisi“.

“Oggi 28 ottobre non invaderemo la capitale ma tutte le città capoluogo di regione e siamo pronti a piazzare tende e Sacchi a pelo se non avremo le risposte che ci aspettiamo”.

Più informazioni su

Commenti

Translate »