Italia verso lockdown 2.0? Il 9 novembre nuova stretta del Governo, ma solo in alcune città

Ci stiamo avvicinando, a grandi passi, verso un nuovo LOCKDOWN nazionale. Insomma, è tutto pronto, manca solo la comunicazione da parte del Governo e la firma del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Certo, non sarà un LOCKDOWN totale come quello della prima ondata, ma sarà più morbido con eccezioni da Nord a Sud. La nuova STRETTA dovrebbe scattare da lunedì 9 novembre e durare fino a metà dicembre.

Una decisione che è lontana dall’essere un blocco totale del Paese, ma che prenderebbe ad esempio la Francia di Emmanuel Macron. Insomma aziende, fabbriche e uffici aperti, ma tutti a casa, negozi chiusi (tranne gli alimentaristi), si esce solo per andare a lavoro o per portare i bambini ai nidi o alle elementari (in Campania scuole chiuse, ndr), per fare la spesa e per ragioni mediche.

A darne notizia è Il Messaggero, che spiega anche come saranno bloccati gli spostamenti oltre i confini comunali e regionali e come potrebbero concretizzarsi i lockdown territoriali (questa volta duri) nelle città più colpite dal virus. Milano e Napoli in primis. Insomma, verrebbero vietati gli spostamenti, ridotti al minimo i contatti tra familiari non conviventi e amici (che secondo le stime generano il 75% dei contagi) e fermare gli affollamenti sui mezzi pubblici. Tutto questo sarà contenuto nello SCENARIO 4, il peggiore, come descritto dal Comitato Tecnico Scientifico.

Commenti

Translate »