Il Comitato Tuteliamo la Costiera Amalfitana invia una lettera aperta alle istituzoni locali. Obiettivo Green new deal

Più informazioni su

La Costiera Amalfitana, iscritta nella World Heritage List dell’UNESCO (WHL) dal 1997, nella categoria “Cultural Landscape”, costituisce un Paesaggio Culturale tipico del Mediterraneo che rischia di essere irrimediabilmente compromesso dall’uomo attraverso incuria, dissesto idrogeologico, opere inutili, dannose e parcellizzate, sovraffollamento, traffico e uso insostenibile della SS163, speculazione edilizia, incendi. È avvertita con sempre maggiore evidenza la necessità di avviare una fase di discussione, approfondimento e studio sul tema di fondo “Quale Costiera?”.

La sintesi e l’essenza di Costiera è nella definizione e classificazione che ne fa l’UNESCO World Heritage Center, “un mirabile esempio di paesaggio antropizzato mediterraneo, di eccezionale valore scenico naturale e culturale, risultato della sua drammatica orografia e dell’evoluzione storica”.

Il Comitato Tuteliamo la Costiera amalfitana ha inviato una lettera aperta alle Istituzioni locali e regionali per evidenziare come sia necessario e indifferibile che la classe politica locale, sollecitata anche dai cittadini, si possa rendere protagonista di un Green New Deal per la Costiera amalfitana al fine di promuovere un nuovo e condiviso modello sociale ed economico, nella comune consapevolezza che la tutela della bellezza paesaggistica e ambientale rappresenta la strada maestra su cui fondare lo sviluppo sostenibile del territorio.

Ecco la lettera.

 

Più informazioni su

Commenti

Translate »