FURORE : La memoria dimenticata foto

Furore, Costiera amalfitana ( Salerno ) RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO “Non esiste il passato ma il presente nel passato che si chiama memoria” Così recitava De Crescenzo. Sante parole ma non aveva fatto ancora i conti con le ordinanze restrittive per il cimitero comunale di Furore. Da maggio il sacro luogo di memoria a causa di un’ordinanza se ne consente accesso tre giorni a settimana (martedì, giovedì, sabato) dalle 09 alle 12. Un po’ pochino per essere un luogo di memoria? Ho chiesto personalmente più volte a mezzo pec al primo cittadino spiegazioni in merito La sua unica risposta, in allegato, prometteva possibilità di valutazioni su riapertura anche in altri giorni.I rischi per la salute pubblica (più marcati altrove) nel cimitero sono praticamente nulli vista l’esigua affluenza. Come si comporterà il primo cittadino nelle prossime ormai commemorazioni dei defunti dopo averlo ignorato per mesi? Lo scopriremo solo vivendo!

Commenti

Translate »