Europa, record di contagi. Boom in Regno Unito, seconda la Francia. Chiusi bar in Belgio per un mese

Più informazioni su

Covid-19. Sono oltre 35 milioni i casi di coronavirus rilevati in tutto il mondo, con oltre 1 milione di decessi, come riporta Rai news. Maglia nera in Europa al Regno Unito, che ha superato quota 500 mila contagi. Parigi è zona di massima allerta, a Berlino imposto il coprifuoco, Bruxelles chiude bar e caffé. Esaminiamo i casi Paese per Paese.

Repubblica Ceca
La Repubblica Ceca ha annunciato 4.457 nuovi casi di infezioni da coronavirus in 24 ore, il numero giornaliero più alto dall’inizio della pandemia. Il dato sulle ultime 24 ore ha superato il record precedente di 3.794. Dopo aver allentato quasi tutte le misure restrittive in estate, il governo ha risposto al picco dell’ultimo mese, uno dei più rapidi in Europa, dichiarando lo stato di emergenza e imponendo una serie di divieti che vanno dalla limitazione di eventi pubblici al divieto di cantare nelle chiese e nelle scuole. A Praga i commercianti hanno manifestato contro le restrizioni su bar e ristoranti. In totale, la Repubblica Ceca ha registrato 90.022 casi da marzo, oltre a 794 morti.

Finlandia
Record di infezioni anche in Finlandia che ha riportato il più alto numero giornaliero di casi di Covid-19 dall’inizio della pandemia. I dati dell’autorità sanitaria hanno registrato 227 nuovi casi, oltre il precedente picco giornaliero di 211 infezioni segnato in aprile durante la prima ondata di Covid-19. Dall’inizio della pandemia, la Finlandia, un Paese di circa 5,5 milioni di abitanti, ha registrato 10.929 casi di Covid-19 e 346 decessi. I nuovi dati indicano che il tasso di incidenza della Finlandia a 14 giorni per 100.000 abitanti è più’ che raddoppiato passando da 14,2 a 30,6 nelle ultime due settimane. In precedenza la Finlandia aveva fissato 25 casi per 100.000 abitanti nell’arco di due settimane come limite per i paesi che considera sicuri e liberi da restrizioni di viaggio – uno dei limiti più severi in Europa.

Germania
La Germania ha registrato nelle ultime 24 ore 2.828 nuovi contagi da Covid-19, dato che porta il totale dei casi confermati a 306.086 e segnala il ritorno al numero di nuovi casi ai livelli dello scorso aprile. L’aggiornamento è stato fornito dall’Istituto Robert Koch, che registra anche 16 morti nelle ultime 24 ore. A Berlino è stato disposto il coprifuoco: il Senato della capitale tedesca ha deciso la chiusura di tutti i ristoranti e bar dalle ore 23 alle 6. Sono previste eccezioni solo per benzinai con bar, ai quali tuttavia sarà vietato vendere alcolici durante la notte. Tra le altre misure restrittive previste, il divieto di incontro con più di cinque persone, valido sempre dalle 23 alle 6 del mattino. E ancora: alle feste private in ambienti chiusi possono partecipare d’ora in poi solo 10 persone al massimo invece delle 25 persone previste precedentemente.

Belgio
Il Belgio ha rafforzato le misure restrittive, dopo la nuova impennata di contagi. In base alle nuove regole annunciate dal premier Alexander De Croo, da venerdì si potranno avere solamente tre contatti al mese con persone al di fuori del proprio nucleo familiare, nei ristoranti non saranno consentiti tavoli con più di quattro persone (a meno che non si tratti di famiglie come ad esempio genitori e figli). Bar e caffé resteranno chiusi. Le misure resteranno in vigore per un mese. Inoltre, il premier ha raccomandato di utilizzare il più possibile lo smartworking. “La situazione del coronavirus nel Paese è grave e preoccupante. La diffusione del virus sta accelerando. Dobbiamo fermarla”, ha scritto De Croo su Twitter. In Belgio sono stati registrati una media di 2.300 nuovi contagi al giorno negli ultimi sette giorni, con un aumento del 48 per cento rispetto alla settimana precedente.

Francia
Il numero di casi di Covid-19 confermati in Francia è salito a 634.763 con 10.489 nuovi contagi nelle ultime 24 ore, secondo gli ultimi dati diffusi dal ministero della Salute del paese. Parigi e le periferie circostanti sono state messe in stato di massima allerta con nuove restrizioni. I bar nella capitale francese sono chiusi. I ristoranti restano aperti ma devono seguire alcune regole sanitarie che vanno dalla registrazione degli ospiti alla chiusura alle 22. Per la prima volta nella capitale si applica il monitoraggio dei “contatti stretti”: informazioni personali inclusi nomi, numeri di telefono e l’ora di accesso ai ristoranti vengono segnati nei registri dei locali al fine di rintracciare i contatti più stretti. I ristoratori temono che le nuove restrizioni abbiano un impatto negativo sul flusso dei clienti. Non sono consentite fiere, feste studentesche e mostre e restano chiusi club e impianti sportivi.

Regno Unito
Mentre la pandemia nel Regno Unito segna un nuovo picco di positivi al coronavirus – 14.500 casi in 24 ore e 76 morti – il premier britannico Boris Johnson rilancia e promette di sconfiggere il Covid-19. Parlando all’annuale conferenza del Partito Conservatore, Johnson ha avvertito che il Paese non potrà tornare alla normalità dopo la fine della pandemia. La crisi, ha promesso, dovrà essere “il catalizzatore di un grande cambiamento”. Svizzera Sono 1074 i nuovi casi di Covid-19 confermati in Svizzera nelle ultime 24 ore, secondo i dati dell’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) che comprendono anche i 3 del Liechtenstein. Il bollettino di ieri ne registrava 700, un dato che il ministro della Sanità Alain Berset aveva commentato parlando di situazione ‘non facile’. Nelle ultime due settimane la Svizzera e il Principato contano 6.359 nuove infezioni, che corrispondono a un tasso di 74,1 casi per 100.000 abitanti, sopra la soglia dei 60 casi fissata da Berna per giustificare la quarantena di persone provenienti da regioni all’estero con tale tasso d’impatto del virus. E’ anche sensibilmente aumentato il numero di persone in isolamento. Il numero totale dei contagi nel Paese è ora di 57.709, mentre il bilancio complessivo delle vittime è salito di due a 1.789.

Fonte: Rai news

Più informazioni su

Commenti

Translate »