Cava de’ Tirreni. L’Assessore alle Attività Produttive Giovanni Del Vecchio interviene sulla civile protesta degli operatori commerciali

Cava de’ Tirreni. Riportiamo l’intervento dell’Assessore alle Attività Produttive Giovanni Del Vecchio sulla civile protesta degli operatori commerciali, condiviso dal sindaco Vincenzo Servalli sulla sua pagina Facebook.

“Ho molto apprezzato e condivido il significato e le giuste riflessioni venute fuori dalla manifestazione di piazza Abbro alla quale non ho partecipato, pur essendo l’assessore al ramo, perché non ero a Cava ed ho rappresentato questa mia impossibilità a chi mi ha contattato invitandomi. A parte la solidarietà e la vicinanza espressa in più occasioni a tutte le categorie produttive, voglio esternare a tanti che hanno partecipato il mio compiacimento perché è stata una protesta non solo legittima ma soprattutto civile. Ribadendo la mia disponibilità all’ascolto e al confronto, in questo momento di grossa criticità per il mondo produttivo (soprattutto nella nostra regione le ripercussioni sul piano sociale sono devastanti due famiglie su cinque versano in stato di bisogno secondo i dati della Caritas) ritengo opportuno, come del resto è stato già rappresentato attraverso note stampa anche dai vertici regionali di alcune associazioni di categoria, che il Governo, prima che la regione, adotti ulteriori misure restrittive finalizzate certamente a preservare la salute bene primario ma che danneggiano inevitabilmente il tessuto produttivo regionale, articoli in maniera celere una seria e concreta programmazione di sostegno economico a tutte le categorie produttive (mondo delle imprese, del commercio, artigianato e turismo).

Per tali motivi dall’inizio della settimana prossima aprirò un tavolo permanente sulla crisi economica dove incontrerò periodicamente tutte le associazioni di categoria del nostro territorio per un monitoraggio continuo e per procedere insieme ed in maniera unita e coesa nella direzione della tutela dell’economia della nostra città. Non è facile trovare il giusto equilibrio tra la tutela della salute e l’aspetto socio-economico ma una cosa è certa è che la nostra economia non si può fermare nuovamente”.

post del vecchio

Commenti

Translate »