Cava de’ Tirreni, focolaio all’Ausino: almeno 27 contagiati

Cava de’ Tirreni. Contagi all’Ausino Spa: stop ai lavori dall’interno della partecipata del Comune di Cava de’ Tirreni che si occupa del servizio idrico in città, si procederà solo in smart-working. È quanto deciso dall’azienda presieduta da Mariano Agrusta alla luce dell’elevato numero di casi di positività riscontrati tra il proprio personale amministrativo e tecnico. Sono, infatti, almeno 27 i nominativi delle persone contagiate, tutte asintomatiche, che sono stati comunicati all’Autorità Sanitaria per l’avvio dei protocolli sanitari. Per loro, e per i contatti diretti, è stato disposto l’isolamento domestico come da protocollo. Una carenza di personale operativo, dunque, che ha costretto la partecipata a disporre – nella giornata di ieri – la chiusura immediata della sede della società, in via Alfonso Balzico, il tempo necessario a consentire le attività di sanificazione. Sospeso anche, di conseguenza e fino a nuova comunicazione, lo sportello al pubblico che potrà inoltrare richieste e istanze solo attraverso il portale web o, in alternativa, la mail ufficiale o i numeri telefonici di servizi.

Per tutto il personale le cui mansioni sono compatibili con il lavoro agile, invece, si è provveduto ad attivare lo smart working al fine di garantire la continuità dell’attività amministrativa. Per quanto invece concerne le attività operative, fanno sapere dagli uffici dell’azienda partecipata, si cercherà di sopperire alle criticità dovute dalla carenza di personale a causa dell’emergenza sanitaria con l’ausilio temporaneo di ditte esterne, sempre al fine di garantire la continuità del servizio. Non è escluso, quindi, che in tal senso, potranno esserci ritardi e disservizi di cui l’azienda si scusa.

Fonte: La Città di Salerno

Commenti

Translate »