Castellammare di Stabia, consulenze scientifiche per la messa in sicurezza e l’eventuale bonifica dell’arenile

Castellammare di Stabia. Il sindaco Gaetano Cimmino, con un post pubblicato sulla sua pagina Facebook, comunica: “Anche in questo periodo così impegnativo per la seconda ondata della pandemia, l’attività amministrativa prosegue senza sosta per dare una svolta al piano di rilancio della nostra città. L’arenile, in particolare, è una risorsa da recuperare e valorizzare. E per raggiungere questo obiettivo saremo affiancati da un team qualificato di studiosi ed esperti in materia ambientale.

È stata firmata la convenzione per l’attività di consulenza scientifica tra il Comune di Castellammare di Stabia e la Smart Sea srl, spin off dell’Università Parthenope di Napoli, per l’esecuzione delle indagini relative al piano di caratterizzazione dell’arenile, in vista della messa in sicurezza operativa e dell’eventuale bonifica. All’esito delle prime indagini conoscitive effettuate a luglio sull’arenile, è emersa la presenza di berillio e tallio leggermente al di sopra dei limiti massimi consentiti, ma anche la conferma che l’arenile è calpestabile e che le sostanze oltre soglia, non essendo volatili, possono rivelarsi tossiche solo se ingerite per via orale in grande quantità.

Con la scelta di affidarci ai ricercatori e ai professionisti dell’Università, sarà realizzato un piano di campionamento più ampio, che prevede il prelievo e l’analisi di un numero congruo di campioni, l’interpretazione dei risultati e un dialogo costante con Arpac, Asl e Regione Campania, attraverso la convocazione di una conferenza di servizi per mettere in atto il procedimento amministrativo finalizzato alla procedura di messa in sicurezza della spiaggia.

Un percorso che intendiamo realizzare nel più breve tempo possibile, per poter attuare un piano di recupero e sviluppo dell’arenile e per valorizzare la vocazione turistica della nostra città”.

post cimmino

Commenti

Translate »