Capri/Sorrento. Cavidotto, parte anche l’ispezione ambientale

Capri/Sorrento. Cavidotto, parte anche l’ispezione ambientale. Ispezione ambientale per il cavidotto Sorrento-Capri. Come comunicato dall’ufficio circondariale marittimo di Capri, da ieri e sino al termine del mese ci sarà un monitoraggio ambientale al collegamento in rete alternata Sorrento-Capri relativo all’interconnessione delle isole campane alla rete di trasmissione nazionale. Il “sistema” nei giorni scorsi è stato “inaugurato” dal premier Giuseppe Conte.

L’isola azzurra, collegata a Torre Annunziata e Sorrento potrà contare, infatti, per il futuro su due cavi sottomarini con flusso bidirezionale in corrente alternata, un “anello” da 160MW di capacità. Lo screening verrà effettuato dal Conisma, il consorzio interuniversitario per le scienze del mare a bordo la motonave “Titan”, attraverso delle ispezioni visive mediante l’impiego di un veiocolo subacqueo, tipo “Rov” (Remotely Operated Veichle) e servirà a fare una “valutazione delle biocenosi del fondo e dell’habitat coralligeno”. I lavori verranno effettuati con nave “considerata in difficoltà di manovra”.

L’ordinanza dispone, in questo senso, che nellospecchio acqueo dell’isola azzurra, in particolare nel miglio nautico interessato dal cavo, si dovrà prestare la massima attenzione, mantenendo una distanza di sicurezza di duecento metri dalla motonave “Titan”.

Il provvedimento, inoltre, vieta sino alla fine del mese di ottobre, di navigare, ancorare e sostare con qualunque unità sia da diporto che commerciale.Non sarà possibile, inoltre, né praticare la balneazione, né effettuare attività di immersione e di pesca di qualsiasi natura. Ai comandanti delle unità in transito nel tratto interessato dai lavori è stata fatta viva raccomandazione di prestare la massima attenzione, mantenendo la distanza di sicurezza e moderando la velocità.

Fonte Metropolis

Commenti

Translate »