Campania: è crisi per 40 mila aziende. Persi già 36 miliardi

Più informazioni su

Regione Campania. Il bilancio dei primi 10 mesi del 2020 mostra un’economia partenopea in ginocchio, che ha perso «il 55% degli incassi rispetto ai primi 9-10 mesi del 2019», secondo le associazioni di categoria. Una cifra enorme, che per Confesercenti Napoli è di «14 miliardi per tutte le imprese, pari a un terzo della Campania». Il calcolo somma i crolli di fatturato di diversi settori trainanti nei dintorni del Vesuvio, che nell’ultimo bimestre sono tornati a picco: negozi al dettaglio, alberghi, b&b, ristorazione, servizi, turismo. Restano tante le domande aperte sul virus, ma di sicuro la pandemia massacra la società dei consumi: come emerge in coro da Federalberghi, Confcommercio, Confesercenti e Abbac, dal post-lockdown le perdite sono inversamente proporzionali alla diffusione del contagio. Lo dimostrano la «parziale fiammata di agosto» e la «nuova gelata autunnale». «In più – dice il presidente di Confesercenti Campania Vincenzo Schiavo – il clima restrittivo e l’aumento di contagi dalla seconda metà di settembre in poi hanno prodotto un calo ulteriore fino al 70-75%. La Campania, in totale, ha perso in questi 9-10 mesi quasi 36 miliardi, il 50% rispetto al 2019». Lo riporta Il Mattino.

Si spende sempre meno, e non solo per paura del virus. In Campania – spiega Confesercenti – il reddito pro-capite annuo è calato di 1200 euro e si arriva a 100mila dipendenti in cig, cui vanno sommati – secondo i registri della Camera di Commercio – 16mila posti di lavoro evaporati e 5471 imprese in meno. Le associazioni segnalano una «parziale ripresa estiva» degli affari, crollati di nuovo in autunno, «complici lo stop ai pubblici esercizi alle 23 e l’obbligo di mascherina all’aperto», sottolinea Pasquale Russo, direttore generale di Confcommercio Napoli. In città è in rosso tutto il terziario – escluse vendite online e di generi alimentari. «500 milioni in meno per i negozi al dettaglio», aggiunge Russo. «Mezzo miliardo in meno per la ristorazione, 1 miliardo in regione», calcolano da Fipe Napoli. Passando al turismo, secondo i dati Abbac «in 10 mesi è andato in fumo il 75% degli incassi nell’extralberghiero del capoluogo: 18,75 milioni» e il dato è grave anche negli hotel, «che hanno perso 145 milioni da marzo a oggi», spiega Federalberghi. Altre perdite «enormi – aggiunge il presidente di Fiavet Campania Ettore Cucari – sono relative a indotto e servizi turistici. A parte la breve fiammata di agosto, rispetto al 2019 abbiamo perso il 75% delle commissioni. Crollati dell”80% i viaggi all’estero, visto il taglio dei voli e il boom del turismo di prossimità, e del 70% i viaggi in entrata».

E la crisi non promette sconti all’orizzonte, a guardare il trend in discesa libera di settembre-ottobre. «Tra gennaio e giugno 2020 la perdita di fatturato rispetto al 2019 era del 70% – ricorda Russo – Dopo la parziale ripresa estiva, a metà settembre c’è stata una gelata, e si perde di nuovo oltre il 50%». «In queste ore – rincara Agostino Ingenito di Abbac – visti i costi della Tari, stiamo chiudendo 400 Scia a Napoli». «Sul crollo autunnale hanno inciso il clima di paura, le nuove restrizioni da sei persone per ogni tavolo e la nuova riduzione dei flussi – prosegue Di Porzio – E poi lo smart working, la cui ripresa massiccia distrugge il settore dei viaggi business e i locali che servono gli uffici a pranzo. Il calo medio annuo è del 40%, ma nelle ultime settimane, dallo stop alle 23, c’è stata una caduta del 70% dei fatturati». «Gli hotel producono 25 milioni mensili di introiti in città – osserva Antonio Izzo, presidente di Federalberghi Napoli – Oltre ai 100 milioni persi da marzo a giugno, le percentuali di occupazione sono state del 30% a luglio e settembre, e del 50% ad agosto (contro l’85% dello stesso mese del 2019). Nel 2020 avremmo dovuto incassare fin qui 175 milioni, ma ne sono arrivati all’incirca 30. Tra settembre e ottobre i segnali di ripresa estivi sono spariti. E lo stesso vale per novembre. Peccato che il Comune non abbia ridotto la Tari se non in maniera minima e per i 3 mesi di lockdown». «Fino a giugno le imprese campane stavano già perdendo 21.3 miliardi di euro di fatturato rispetto al 2019 – conclude Schiavo – Da luglio a settembre la nuova perdita è stata di 10 miliardi di euro, si è scesi da 24 a 14 miliardi. 40mila imprese sono in grande sofferenza: hanno contratto debiti con le banche per affitti arretrati e tasse da pagare. Lo Stato deve proteggerci».

Più informazioni su

Commenti

Translate »