Amalfi. Il ricordo del figlio Antonio Dipino alla mamma “Anna della Caravella” col soufflè al limone dedicato al Nobel Quasimodo

Amalfi. Il ricordo del figlio Antonio Dipino alla mamma “Anna della Caravella” col soufflè al limone dedidato al Nobel Quasimodo. Oggi il saluto, nella Cattedrale di Amalfi alle 16, ad Anna Maria Vozza un pezzo di storia della Costiera amalfitana e dell’Enogastronomia . Col marito Franco Dipino  ha fondato nel 1959  “La Caravella”  che ha ottenuto la prima stella Michelin del Sud Italia ed è attualmente una delle più longeve d’ Europa.  Qui sono passati tutti, principi e regine, Jacqueline Kennedy con Agnelli, Gore Vidal e anche il grande premio Nobel della Letteratura Quasimodo, qui continua la grande tradizione dell’accoglienza nobile amalfitana, fatta di valori semplici e tradizioni antiche, ed è grazie a persone come lei che la Costiera è diventata grande nel mondo,  ecco come il figlio Antonio ricorda la mamma

“Grazie Grande Mamma, Ti ringrazio per avermi trasmesso l’amore per il bello e il buono e per avermi sempre sostenuto, per tutti gli insegnamenti, per avermi trasmesso la tua passione… cucinare.Mi piace ricordarti con il tuo piatto che ha scritto la storia del nostro ristorante il “Soufflè al limone”. Oggi siamo tra i pochi ristoranti al mondo ad avere il privilegio di servire un piatto dedicato ad un premio Nobel, grazie a te. La tua determinazione e la tua costanza, lavoratrice instancabile, sempre con tanto amore e felicità. Continuerai ad essere il mio angelo che mi guarda e mi protegge Addio, mia dolcissima Mamma”.

Quest soufflè “Il sole nel piatto” di Quasimodo, rappresenta la solarità e la saldezza di una famiglia che ha portato e porta onore e prestigio a tutto il territorio.

Ci stringiamo con affetto a tutti i familiari in questo momento –

Le foto sulla pagina facebook de La Caravella, Anna si trova con Gore Vidal il famoso scrittore americano che aveva casa alla Rondinaia a Ravello

la-storia-del-souffle

Commenti

Translate »